(+39) 327-3463071 info@palloncinogastrico.it

Il 29 settembre ricorre la Giornata Mondiale del Cuore promossa allo scopo di sensibilizzare sulla prevenzione delle malattie cardio-cerebro vascolari e promuovere le sane abitudini.

“Use heart for every heart”, “usa il cuore per ogni cuore”. È lo slogan che inaugura la nuova edizione della Giornata Mondiale del Cuore. L’obiettivo di quest’anno è tenere viva l’attenzione del grande pubblico non solo sulla tematica sempreverde della prevenzione, ma anche di contestualizzarla al nostro presente. Nel particolare, è stata posta una grande enfasi sul rapporto che lega la salute cardiaca alla salvaguardia dell’ambiente, visto che l’inquinamento atmosferico è responsabile del 25% di tutte le morti per malattie cardiovascolari.

La nostra situazione

L’Italia, purtroppo, contribuisce ad alzare la media mondiale dei decessi, registrando un’incidenza del 35%, riconfermandosi per un altro anno come la prima causa in assoluto. In poche parole, più di un terzo delle morti non naturali del nostro Paese sono correlate a patologie cardiovascolari. Anche le motivazioni rimangono sempre le stesse: tabagismo, sedentarietà, alimentazione squilibrata, abuso di alcol, sovrappeso e obesità.

Prevenzione, di nuovo, ancora

Sì, d’accordo, sarà noioso e irritante sentirselo dire in continuazione dal governo, dalle organizzazioni sanitarie, dai medici di mezzo mondo, dagli eminenti scienziati, dagli occhialuti ricercatori, dai presentatori televisivi o dai vicini che l’hanno letto sui social. Prevenzione, prevenzione e ancora prevenzione, ma, chiediamoci: un motivo ci sarà, no?

Certo, e la risposta più immediata è che le malattie cardiovascolari rimangono ancora la prima causa di morte al mondo con oltre 18 milioni di vittime ogni anno, il doppio rispetto al cancro e, dunque, un pericolo da non sottovalutare mai. Come già detto, sovrappeso e obesità incidono non poco su queste tristi percentuali, ed è qui che la Giornata Mondiale del Cuore trova il suo scopo, ovvero mostrare (e dimostrare) che con la correzione delle proprie abitudini, alimentari tra le altre, è possibile ridurre notevolmente i rischi legati ad uno stile di vita malsano.

Le indicazioni a chiare lettere

La brochure informativa rilasciata dall’Alleanza Italiana per le Malattia Cardio-Cerebrovascolari e pubblicata dal Ministero della Salute per la Giornata Mondiale del Cuore 2022 ci mostra chiaramente quanto l’alimentazione in primis, se usata come saldo pilastro delle nostre buone abitudini, possa migliorare nettamente il nostro stile vita, incidendo tanto sulla salute fisica quanto mentale.  

Noi di Medita Medical uniamo la nostra voce al coro di esperti e specialisti che spingono fortemente per un’autentica rieducazione alla salute personale, a non temere quei cambiamenti che ci migliorano, che ci curano, che ci rendono felici con noi stessi prima che con gli altri.