Chi siamo

La Giornata Mondiale del Cuore

La Giornata Mondiale del Cuore

Il 29 settembre ricorre la Giornata Mondiale del Cuore promossa allo scopo di sensibilizzare sulla prevenzione delle malattie cardio-cerebro vascolari e promuovere le sane abitudini.

“Use heart for every heart”, “usa il cuore per ogni cuore”. È lo slogan che inaugura la nuova edizione della Giornata Mondiale del Cuore. L’obiettivo di quest’anno è tenere viva l’attenzione del grande pubblico non solo sulla tematica sempreverde della prevenzione, ma anche di contestualizzarla al nostro presente. Nel particolare, è stata posta una grande enfasi sul rapporto che lega la salute cardiaca alla salvaguardia dell’ambiente, visto che l’inquinamento atmosferico è responsabile del 25% di tutte le morti per malattie cardiovascolari.

La nostra situazione

L’Italia, purtroppo, contribuisce ad alzare la media mondiale dei decessi, registrando un’incidenza del 35%, riconfermandosi per un altro anno come la prima causa in assoluto. In poche parole, più di un terzo delle morti non naturali del nostro Paese sono correlate a patologie cardiovascolari. Anche le motivazioni rimangono sempre le stesse: tabagismo, sedentarietà, alimentazione squilibrata, abuso di alcol, sovrappeso e obesità.

Prevenzione, di nuovo, ancora

Sì, d’accordo, sarà noioso e irritante sentirselo dire in continuazione dal governo, dalle organizzazioni sanitarie, dai medici di mezzo mondo, dagli eminenti scienziati, dagli occhialuti ricercatori, dai presentatori televisivi o dai vicini che l’hanno letto sui social. Prevenzione, prevenzione e ancora prevenzione, ma, chiediamoci: un motivo ci sarà, no?

Certo, e la risposta più immediata è che le malattie cardiovascolari rimangono ancora la prima causa di morte al mondo con oltre 18 milioni di vittime ogni anno, il doppio rispetto al cancro e, dunque, un pericolo da non sottovalutare mai. Come già detto, sovrappeso e obesità incidono non poco su queste tristi percentuali, ed è qui che la Giornata Mondiale del Cuore trova il suo scopo, ovvero mostrare (e dimostrare) che con la correzione delle proprie abitudini, alimentari tra le altre, è possibile ridurre notevolmente i rischi legati ad uno stile di vita malsano.

Le indicazioni a chiare lettere

La brochure informativa rilasciata dall’Alleanza Italiana per le Malattia Cardio-Cerebrovascolari e pubblicata dal Ministero della Salute per la Giornata Mondiale del Cuore 2022 ci mostra chiaramente quanto l’alimentazione in primis, se usata come saldo pilastro delle nostre buone abitudini, possa migliorare nettamente il nostro stile vita, incidendo tanto sulla salute fisica quanto mentale.  

Noi di Medita Medical uniamo la nostra voce al coro di esperti e specialisti che spingono fortemente per un’autentica rieducazione alla salute personale, a non temere quei cambiamenti che ci migliorano, che ci curano, che ci rendono felici con noi stessi prima che con gli altri.

Il problema dell’obesità è trascurabile

Il problema dell’obesità è trascurabile

Nonostante negli ultimi anni abbia guadagnato una sempre maggior visibilità, il problema dell’obesità continua ad essere pesantemente sottostimato a causa di un’innaturale indifferenza.

Provate per un momento ad immaginare la grande città di Roma, l’eterna capitale con i suoi secoli di storia e la sua vivace popolazione. Allo stesso modo, focalizzatevi sull’assurda possibilità che tutti i suoi abitanti periscano l’uno dopo l’altro nel giro di un solo anno, lasciandola deserta e silenziosa. È una visione macabra, ma è esattamente questa la proporzione dei casi di morte legati al problema dell’obesità.

Tre milioni, per razionalizzare con le stime dell’OMS, sei volte i decessi legati al fumo di sigaretta, nonché la quinta principale causa di morte su scala globale, maggiore persino del tasso delle malattie respiratorie.

La realtà è un po’ più complicata

Il dato più allarmante, però, è legato a quanti siano i soggetti realmente a rischio, ovvero circa due miliardi di persone, poco più di un quarto dell’intera popolazione mondiale, 650 milioni dei quali esposti al pericolo di sviluppare patologie o disturbi seri nel medio termine. Può sembrare una cifra al limite dei più raffinati complottismi, ma è sufficiente pensare che la combinazione tra globalizzazione, distribuzione di cibo a basso costo e mancanza di norme alimentari stringenti hanno favorito l’insorgenza del problema dell’obesità persino in quei Paesi ritenuti poveri per antonomasia, quali India, Vietnam e Bangladesh.

Nonostante ciò, obesità e sovrappeso continuano ad essere percepiti dalle masse come problemi trascurabili, vuoi per mal informazione, per mancanza di sensibilità o perché si diluiscono bene nel tempo come un cucchiaino di zucchero in una tazzina di caffè. Pensate a un terremoto. Può provocare centinaia di vittime in una manciata di secondi, creando scompiglio, sorpresa e talvolta indignazione, ma, numeri alla mano, le cifre appaiono risicate se confrontate alle milioni causate dal cancro ogni anno. Una vita è pur sempre una vita, ben inteso, ma parliamo comunque di cifre enormemente superiori. Cifre che però sembrano non essere nemmeno prese in considerazione quando c’è da allarmarsi per davvero.

Il problema è intrinseco al concetto

Per quanto banale possa sembrare, vi è una mancanza alla base del concetto stesso, vale a dire la presa di coscienza, perché il primo passo per risolvere un problema è ammettere che esiste. Che esiste nel mondo, che esiste là fuori e che può colpire chiunque, anche noi che nella prospettiva di qualcun altro siamo proprio quel mondo a cui siamo tanto insensibili e che continua a peggiore per l’indifferenza verso noi stessi, nonostante le soluzioni siano più semplici di quanto non appaiano.

L’invito è chiedersi se vale la pena trattarsi così, ridursi a tanto nel disperato tentativo di riempire una lacuna che non potrà mai essere colmata con il solo cibo, pur sapendo che simili abitudini possono portarci a rischiare molto più del nostro apparire.

Il Palloncino Gastrico Allurion per i propri obiettivi

Il Palloncino Gastrico Allurion per i propri obiettivi

Valentina ci dimostra che focalizzarsi suoi buoni propositi sia solo il primo passo per raggiungerli e di come il palloncino gastrico allurion sia un prezioso alleato per realizzarli.

Valentina, avvocatessa e madre di tre figli, ci racconta delle delusioni che ha dovuto sopportare nei suoi tentativi di perdere peso prima di sottoporsi al percorso del palloncino gastrico allurion.

Venivo da quattro-cinque anni di dieta, e dopo tre gravidanze consecutive e problemi ormonali avuti nel frattempo, era arrivata a 107 chili.

Con la dura consapevolezza di star sbagliando e col coraggio di chi, invece, il proprio sbaglio vuole correggerlo, si rivolge ad un nutrizionista che le somministra una dieta dimagrante. Grazie a questa, riesce a perdere quasi 30 chili.

Poi arriva il problema.

“È arrivato un momento in cui mi sono bloccata sugli 80-85 chili, facendo sempre dieta – sono a dieta da una vita. Dopo tanti sacrifici, continuavo a non vedermi come volevo.”

Inizia così a coniugare il proprio regime alimentare con lo sport, ma senza raggiungere i risultati sperati. Conscia di non stare ottenendo nulla, inizia a guardarsi attorno, a cercare soluzioni alternative al proprio problema.

Avevo un’amica che si era sottoposta a chirurgia e la vedevo felice, ma io non volevo farlo.

Ed è in quel momento che comincia a prendere in considerazione il trattamento col palloncino gastrico allurion, non solo per migliorare la propria salute fisica, ma anche per il proprio stato mentale.

Scattava sempre la fame, soprattutto nervosa, e mangiavo disordinato. Il programma poteva essere un aiuto iniziale da dove cominciare.

Come riferisce la stessa Valentina, conscia – e colta – della situazione, il palloncino gastrico allurion è uno strumento che è parte di un programma. È un percorso che va seguito e in cui si è seguiti con scrupolo e attenzione.

La sua testimonianza getta luce anche sulla problematica quanto mai attuale della pandemia, di come questa, in particolare nelle prime dure fasi, abbia costretto tante persone a casa, permettendo loro di accumulare molto stress. E lo stress, lo sappiamo, può spingere alla fame nervosa, a prendere o riprendere cattive abitudini alimentari. Se ci mettiamo anche la consapevolezza di stare facendo un errore, si entra in un circolo vizioso. Io so di stare sbagliando e ciò mi stressa. Quando sono stressato, mangio. Quando lo faccio, so di stare sbagliando.

Alla domanda “cosa ti ha spinto a decidere di voler cambiare?”, ci risponde in una maniera coincisa.

Vedevo rifiorire la mia amica e la voglia di vedermi come mi vedo nella mia testa prima ancora che nello specchio. Sto lavorando e voglio vedere risultati.

Come per Maythe, arriva anche per Valentina il momento della decisione di sottoporsi al programma con il palloncino gastrico allurion, ma non senza dubbi o paure. Come ci racconta, la sua esperienza sul momento è stata di timore, ma grazie alle professionalità del medico, in soli dieci minuti era già tutto finito senza la minima complicazione.

I primi due giorni sono stati un po’ forti, ma superati senza problemi grazie a qualche semplice medicina e al sostegno di Imma di Medita Medical che mi telefonava per sapere come stessi, come mi sentissi. Dopo due giorni, non sentivo più nulla.

valentina-dopo-trattamento-palloncino-gastrico-allurion

A esattamente un mese, tre settimane e tre giorni, ci mostra di aver perso 10 chili, raggiungendo i 73, senza aver riscontrato nessun problema grazie al costante monitoraggio.

Ora che Valentina si sta finalmente rispecchiando in ciò che vuole essere, che sta vedendo coi propri occhi i risultati, si riserva di offrire qualche consiglio a chi, come lei, fosse intenzione a sottoporsi all’inserimento del palloncino gastrico allurion.

Di provarci, di prendere coraggio. Avendone provate tante, so cosa significa andare incontro ai fallimenti. La paura blocca, ma posso assicurare che poi quando arrivano i risultati, c’è un aiuto anche psicologico. In particolare, siamo seguiti, si è sempre seguiti come in una piccola famiglia e l’aiuto è grande.

Se desideri approfondire, puoi guardare l’intervista integrale a Valentina sul nostro canale Youtube. Se invece hai dei dubbi, sentiti libero di leggere le informazioni sul Programma Allurion o di contattarci per una consulenza gratuita e senza impegno.

Il Programma Allurion in sostegno alla maternità

Il Programma Allurion in sostegno alla maternità

Maythe ci racconta la sua esperienza di rieducazione alimentare, mostrandoci i risultati che ha raggiunto con il programma allurion ad un passo dalla fine.

Con poche semplici parole, l’imprenditrice Maythe Henriquez ci offre uno scorcio apparentemente superficiale della propria vita prima di iniziare il suo percorso di profondo cambiamento grazie al programma Allurion.

Quando ti devi vestire, che non ti sta niente o che niente ti piace, io piangevo.”

Partiamo dal principio.

Dopo essere diventata mamma, comincia ad accumulare peso fino a raggiungere i 74 chili. Un peso che può apparire normale, ma che per una donna alta 1.59 rappresenta un primo, evidente campanello d’allarme per la propria salute.

Pensavo di poter mangiare poco e invece NON mangiavo poco. Avevo bisogno di qualcosa che mi facesse dimagrire tanto perché non è che non ho forza di volontà … “

Come darle torto? Una donna matura come lei che affronta ogni giorno le avversità di fare impresa in questo Paese e trova anche la forza di mettere al mondo un figlio, tutto può essere fuorché senza forza di volontà.

Nonostante i mille impegni e le altrettante preoccupazioni, la neomamma si rimbocca le maniche e decide di seguire dei rigidissimi programmi.

“Sono andata per un mese in palestra, alle 6 del mattino, per due ore, tutti i giorni; ho fatto dieta e ho perso soltanto un chilo e mezzo. E ho detto NO! C’è qualcosa che non va.”

Senza perdersi d’animo, Maythe si confida con suo marito per trovare una soluzione che non coinvolgesse la chirurgia. Con quel perfetto gioco di squadra che li contraddistingue tanto in amore quanto nel lavoro, riescono infine a trovarla.

“Mio marito mi affianca molto è mi ha detto ‘se sei convinta, fallo!’ e così ho fatto.”

È in momenti come questi che una persona trova la forza per iniziare un percorso così radicale, quando coloro che ama la incitano, la spronano, la sostengono nelle sue scelte di vita, soprattutto quelle importanti, quelle che la vita te la svoltano, letteralmente.

Ed ecco che dopo soli tre mesi e mezzo, a percorso quasi concluso, la ritroviamo rinvigorita, carica di autostima e con un bel progetto per l’immediato futuro.

“Voglio avere un altro bambino entro l’anno prossimo. Sono una mamma molto esigente che ha programmato la propria vita”.

Ci tiene molto a portare all’attenzione il punto per cui il programma Allurion le è stato indispensabile non solo per raggiungere il suo peso attuale di 60 chili, ma, ancor di più, per continuare a sentirsi donna.

“È una questione di percezione. Non è un modo sbagliato di essere, ma è un modo che io non voglio. Adesso devo rimanere incinta e ho questa opportunità. Mal che vada, si tratta di qualche chilo in più, non troppo, e ormai sto mangiando meno, sto facendo esercizio.”

maythe-dopo-il-programma-allurion

Il punto fondamentale è che il programma Allurion è prima di tutto un percorso di rieducazione alimentare. È una strada da seguire che si avvale di professionisti e di strumenti come il palloncino gastrico per raggiungere uno scopo. Nulla impedisce di riprendere peso, ma certamente risulta più difficile farlo perché, diciamocelo: quando siamo davanti allo specchio e ci vediamo nel corpo che abbiamo sempre desiderato, perché mai dovremmo anche solo pensare di ritornare indietro? E proprio quella paura non ci spinge forse a prestare maggiore attenzione a ciò che facciamo e a come vogliamo essere?

È quasi ironico scoprire poi che quello che un tempo sopportavamo come un sacrificio si trasforma in breve tempo nella nostra quotidianità perché ci fa stare meglio e quando il progresso è palpabile, percettibile da chiunque, noi per primi, risulta quasi impossibile tornare sui propri pesanti passi.

“La dottoressa che mi seguiva mi ha insegnato come mangiare. Ha migliorato il mio modo di mangiare. Voi mi scrivevate sempre, sempre, ed è lì che ho capito che non era solo uno sponsor. Non erano promesse campate per aria.”

Se desideri approfondire, puoi guardare l’intervista integrale a Maythe sul nostro canale Youtube. Se invece hai dei dubbi, sentiti libero di leggere le informazioni sul Programma Allurion o di contattarci per una consulenza gratuita e senza impegno.