Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità
(+39) 327-3463071 [email protected]
PMA con il Palloncino Gastrico Allurion

PMA con il Palloncino Gastrico Allurion

Come il Palloncino Allurion può aprire le porte di una Serena Maternità

Per PMA (procreazione medicalmente assistita) si intende quell’insieme di tecniche farmacologiche, chirurgiche e non che aiutano le coppie a portare a termine una gravidanza con successo. Difatti, la PMA non è una esclusiva per le donne, poiché l’obesità può incidere tanto sulla fertilità femminile quanto su quella maschile, seppur rimanga principalmente ad appannaggio del gentil sesso.

L’impatto dell’obesità sulla fertilità

Nel cammino verso la realizzazione del desiderio di maternità, molte donne si imbattono nell’imponente sfida dell’obesità e, molto spesso, devono rinunciare al sogno di una famiglia a causa del proprio peso. Come è ormai chiaro, questa condizione incide enormemente sulla qualità della salute dell’individuo, quindi, anche sulla sua fertilità e sulle possibilità di portare a termine una gravidanza senza particolari complicazioni.

Uno degli indicatori più semplici da calcolare per valutare la condizione fisica di una donna è il suo BMI o Indice di Massa Corporea, vale a dire il rapporto tra la propria altezza e il peso corporeo (peso in KG/altezza*altezza). Se questo valore raggiunge o supera il 30, una futura mamma dovrà prestare molta attenzione. Basti pensare che mediamente il 40% delle donne obese vanno incontro a disordini del ciclo mestruale o addirittura ad anovulazione mentre si registra che oltre il 43% ha una netta riduzione della capacità di concepimento.

Persino una gravidanza in atto può essere pericolosa per una donna in sovrappeso. Si stima, infatti, che oltre il 30% delle morti materne durante il parto colpisca donne con un elevato BMI. In altri casi, invece, è il bambino stesso a rimetterci che sarà vittima di un aborto spontaneo.

La PMA con il Palloncino Allurion in sostegno alla maternità

Per le donne che desiderano ardentemente avere un bambino, ma si trovano ancora a lottare contro l’obesità, anche dopo aver provato di tutto, il Palloncino Gastrico Allurion si propone come l’alleato perfetto: discreto, indolore, sicuro e, soprattutto, non invasivo. Non ci saranno interventi diretti all’utero; non ci saranno medicine da dover assumere per un mese o terapie farmacologie da seguire per un anno; non ci saranno tempi di recupero. Si dovranno aspettare soltanto quei 15-20 minuti per l’inserimento del palloncino e si potrà già tornare a casa. Il suo funzionamento è estremamente semplice e, come già detto, non richiede chirurgia, ma neanche anestesia o endoscopia. Il tuo corpo sarà la prima culla per il tuo bambino e dovrà rimanere sicuro, sano e intatto come Dio l’ha fatto.

Un percorso completo al servizio della tua salute e in favore alla tua fertilità

La chiave per le donne in sovrappeso che desiderano una gravidanza a basso rischio è ridurre il proprio BMI e il palloncino gastrico rappresenta la soluzione più pratica e meno invasiva per raggiungere questo scopo. L’approccio terapeutico di Allurion ha il potenziale di facilitare l’accesso alle procedure di procreazione medicalmente assistita (PMA), creando un ambiente più favorevole per il concepimento e la gravidanza.

Raggiungere un BMI ottimale non è solo un passo verso una migliore salute generale, ma può essere fondamentale per le donne che cercano di concepire e terminare una gravidanza con la sola soddisfazione di poter finalmente stringere a sé il proprio bebè (o due in un colpo solo!).

L’evento da non perdere: “Obesità e Fertilità”

Vogliamo invitarti all’incontro esclusivo organizzato da Medita Medical che ti mostrerà i nessi e le connessione tra l’obesità e la fertilità. L’evento gratuito, di libero accesso e rivolto a chiunque, ti permetterà di comprendere meglio come la gestione ottimale del pesso possa influire in maniera altrettanto ottimale sulla capacità riproduttiva.

“Obesità e Fertilità”
Mercoledì, 10 Aprile 2024
Palazzo Cappuccini
C.so Vittorio Emanuele, 730, 80122 Napoli (NA)

Questo incontro di un giorno sarà un’opportunità per apprendere, condividere esperienze e discutere gli ultimi sviluppi e strategie per affrontare l’obesità nel contesto della fertilità.

In conclusione …

Il viaggio verso la maternità può essere complesso, ma con le informazioni giuste, verificate e corrette; con il supporto di un team di specialisti nei campi della nutrizione e del dimagrimento; con la certezza di approcciare un metodo sicuro per te e per il tuo bambino, tutte quelle barriere saranno superate facilmente e potrai godere della gioia unica di aver messo su famiglia.

La prima settimana con il palloncino gastrico Allurion

La prima settimana con il palloncino gastrico Allurion

Momento delicato ma breve, la prima settimana con il palloncino può portare all’insorgenza di piccoli fastidi e disagi provocati dall’assestamento del dispositivo all’interno dello stomaco.

Il Palloncino Gastrico Allurion rappresenta un’innovazione nel campo del trattamento dell’obesità e dei suoi sintomi. Questo dispositivo morbido, elastico e flessibile viene posizionato nello stomaco senza la necessità di ricorrere a chirurgia, endoscopia o anestesia, riempito con soluzione fisiologico e, infine, espulso naturalmente per vie naturali.

Essendo un elemento estraneo – è così che il tuo corpo lo “vede” – il palloncino può provocare dei sintomi lievi che derivano dal tempo di adattamento del dispositivo all’interno dello stomaco. Per farla breve, il palloncino sta si sta modellando alle tue forme e, nel mentre, te lo sta dicendo alla sua maniera, ossia tramite contrazioni muscolari e senso di nausea, ma andiamo con ordine.

Cosa dovrai aspettarti dalla prima settimana?

Per prima cosa, vorrei che ti soffermassi a pensare al periodo: una sola settimana. Dio ci ha creato l’universo e tutto quanto, e si è anche ritagliato un giorno per riposare (Lui!). Prova invece a immaginare tu una singola settimana. Ne dovrai aspettare altre tre per lo stipendio e le bollette; in una settimana può arrivarti un pacco dall’altra parte del mondo; una settimana passa in fretta.

La prima settimana con il palloncino gastrico Allurion nello stomaco richiede un po’ più di attenzioni. Dopo, sarà tutto in discesa, esattamente come lo sarà il tuo peso. Prima ti ho parlato di lievi fastidi e disagi, e adesso ti illustrerò quali sono.

Adattamento, stabilizzazione e routine

Il primo effetto che percepirai è quello di pienezza. Ti sentirai come se avessi appena finito di mangiare un pasto abbondante. Questo “sintomo” può portare, nei primi 1-2 giorni, ad avere problemi a riposare adeguatamente. Questo succede perché il tuo corpo associa il senso di pienezza al cibo e, quindi, ti impedisce di riposare come se tu stessi digerendo. Il nostro organismo è però molto intelligente, quindi, impiega 24-48 ore per capire che non è cibo e lascarci spiaggiare sul divano per tutto il pomeriggio.

Dal terzo giorno, non dovrebbero esserci più problemi con il riposo, ma potrai percepire dei crampi a livello addominale, delle contrazione dello stomaco, un lieve senso di nausea e, nei casi più estremi, anche po’ di dolore. In ogni caso, ripeto, in ogni caso, questi sintomi spariscono entro una settimana (a volte dopo 4-5 giorni, a seconda del paziente) o sono tenuti sotto controllo grazie ad un terapia consigliata dal medico posizionatore.

Man mano che la settimana procede, i sintomi prima descritti diminuiscono fino a sparire del tutto. Per favorire l’assestamento del dispositivo, il nutrizionista consiglia di seguire uno specifico regime alimentare, detta dieta liquida. Come suggerisce il nome, è un regime d’alimentazione basato su cibi liquidi, quali brodo chiaro, succhi senza zucchero e, naturalmente, acqua. Già dal terzo giorno in poi, si potrà passare ad una dieta semi-liquida, che include yogurt liscio, purea di frutta, zuppe frullate e cereali morbidi. Questa scelta non solo alleggerisce il carico dello stomaco, ma lo abitua a funzionare normalmente anche con il palloncino.

La fine della settimana con il palloncino

Allo scoccare del settimo giorno, la maggior parte dei pazienti è tornare alla situazione precedente all’inserimento del palloncino. Una sola settimana, quando, per interventi chirurgici con gli stessi obbiettivi, sono richiesti tempi di recupero e cifre nettamente superiori, oltre che riportare effetti permanenti. A questo punto del percorso, che voglio ricordarti essere solo l’inizio, sarà già tutto in discesa: ricomincerai a mangiare normalmente e a non sentire più crampi e nausea.

Tornerai a svolgere le tue normali attività e dimenticherai persino di avere il palloncino. Come? Esattamente come il tuo stomaco, in brevissimo tempo ti ci abituerai anche tu!

Il palloncino nello stomaco: le forme del successo

Il palloncino nello stomaco: le forme del successo

Il palloncino gastrico, o anche “intragastrico”, volgarmente il “palloncino nello stomaco”, rappresenta un’innovativa soluzione per il trattamento dei problemi legati al sovrappeso e all’obesità. Nella maniera più semplificata, gli interventi invasivi e non invasivi che coinvolgono questo dispositivo prevedono il suo inserimento all’interno dello stomaco del paziente, inducendogli un senso di sazietà.

Questo deriva del fatto che lo stomaco riconosce che una parte di esso come già piena, già occupata, quindi, impedisce ad ulteriore cibo di passarci attraverso. Il risultato è una diminuzione significativa delle dosi, con una conseguente e costante perdita di peso. Ma andiamo più nel dettaglio.

Il concetto di palloncino nello stomaco

L’idea di inserire un palloncino morbido direttamente nello stomaco dei pazienti non così recente. I primi esperimenti risalgono agli anni 80 e furono condotti principalmente per capire:

  • la sua durata all’interno del corpo
  • la sua efficacia, sia nel medio che nel lungo termine
  • la sua sicurezza

Il concetto chiave era quello di occupare fisicamente uno spazio nello stomaco, limitando così la quantità di cibo consumabile. Se una parte dello stomaco è occupata da un corpo solido, questa non può essere riempita con altro, ovviamente.

Il primo vero palloncino gastrico approvato dalla FDA statunitense risale al 1985, ma fu poi ritirato nel 1992 a causa di problemi legati all’efficacia, in quanto non garantiva sempre una consistente perdita di peso. Nel frattempo, già nel ’87, vengono stilate quelle che si possono considerare le linee guida di un perfetto palloncino gastrico. Bisognerà attendere il 2015, quindi 30 anni di studi e ricerche, prima che la FDA approvi per il primo palloncino gastrico, l’Orbera, mentre, nel resto del mondo, si procedeva ad imitare, naturalmente sulla base di concrete prove scientifiche.

L’efficacia del palloncino intragastrico

Come detto prima, sono dovuti passare 30 anni prima che la FDA approvasse il palloncino gastrico e questo dovrebbe comunicare quanta attenzione è stata dedicata a questo tema. Più importante è il margine di sicurezza da fornire al paziente, in modo che sia consapevole tanto delle probabilità di successo quanto di fallimento.

Per fare un confronto sul grado di sicurezza dei palloncino gastrici, è sufficiente pensare che, qualora il dispositivo sia posizionato chirurgicamente, il tasso di mortalità risultata essere dello 0.05%, dunque estremamente basso. Un intervento all’appendicite, in condizioni di buona salute del paziente e senza complicazione, ha un tasso di mortalità dello 0.3%, vale a dire 6 volte tanto.

Numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia dei palloncini gastrici nel promuovere una significativa perdita di peso. I pazienti che hanno optato per questa procedura hanno mostrato tanto i classici miglioramenti estetici quanto una generale miglioria delle proprie condizioni di salute, soprattutto nel trattamento e la prevenzione di condizioni correlate al diabete di tipo 2, l’ipertensione e l’apnea del sonno.

L’efficacia e la sicurezza crescenti hanno portato all’integrazione dei palloncini gastrici nei programmi di trattamento dell’obesità in molti sistemi sanitari nazionali. Questa tendenza è supportata dall’aumento delle statistiche dell’obesità a livello globale e dalla necessità di trovare soluzioni efficaci e meno invasive rispetto alla chirurgia bariatrica.

La variante di Allurion

Tra le varie opzioni disponibili sul mercato, il palloncino gastrico di Allurion si distingue per alcune caratteristiche che aggiungono un ulteriore nota di innovazione e sicurezza per il paziente. Questo dispositivo, infatti, non richiede né un intervento chirurgico per l’impianto né per la rimozione, semplificando così il processo riducendo i rischi associati anche all’anestesia. Inoltre, Allurion offre un programma completo che comprende il monitoraggio e il supporto nutrizionale, enfatizzando l’importanza di un approccio completo al trattamento dello stato di obesità.

Se vuoi esplorare questa nuova opportunità, non hai che da chiedere.

Programma Allurion: come prepararsi al meglio

Programma Allurion: come prepararsi al meglio

Dalle fasi preliminare al consulto medico, fino al giorno del posizionamento e le aspettative realistiche legato al palloncino gastrico Allurion

Il percorso verso il dimagrimento con il palloncino gastrico Allurion può sembrare un viaggio lungo e complesso, soprattutto in certi frangenti particolarmente complicati a causa della natura del dispositivo, ma è solo una facciata. L’intero programma è stato creato appositamente per essere alla portata di tutti, disponibile a chiunque, ma andiamo con ordine.

Il primo passo del Programma Allurion

La fase di pre-posizionamento è con molta probabilità la più importante e non solo perché è la prima. E’ uno step di preparazione fisica e mentale e, come tale, non può cominciare uno o due giorni prima dell’intervento che, ricordiamo, si esegue senza chirurgia, anestesia ed endoscopia, in maniera del tutto non invasiva.

Esattamente come gli atleti prima di una gara, anche tu dovrai prepararti adeguatamente per entrare nel programma Allurion, ma faticando molto meno. Il tuo primo coach sarà il medico che ti accompagnerà lungo il percorso, un professionista nell’ambito del dimagrimento e certificato dalla stessa Allurion. Di norma, il consiglio da seguire durante la settimana precedente al posizionamento è rimanere idratati, bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno.

L’indispensabile supporto emotivo

Non meno importante, anzi essenziale, è il supporto emotivo che si riceve dalle persone che sono più vicine: i propri familiari, i propri amici, la propria moglie o marito, i propri figli. Loro devono credere in te che vuoi intraprendere il programma Allurion, piuttosto che disporsi trasversalmente ed impedirti di cambiare verso la persona che desideri essere.

Potrai sentire tante volte domande come: “ti serve davvero?“, “e se poi ti fa male?“, “ma chi te lo fa fare?“, come a dirti che se sei intraprendente e coraggioso, non dovresti fare ciò che senti di fare. Loro potrebbero non capirlo o, al massimo, non condividerlo per lo stesso consapevole motivo che ti ha spinto ad intraprendere questo percorso.

Il giorno del posizionamento

Il primo consiglio offerto è arrivare al giorno prestabilito con almeno 8 ore di digiuno per non sforzare lo stomaco. Quindi, 8 ore prima dell’intervento è necessario smettere di mangiare e limitarsi ad assumere liquidi chiari (acqua, brodo chiaro filtrato, tisane etc.). L’assunzione di liquidi va interrotta invece due ore prima del posizionamento.

Durante il primo consulto, il medico potrebbe consigliarti di assumere dei medicinali da banco prima del posizionamento. Solitamente, si tratta di prodotti di uso comune che attutiscono i sintomi derivanti dall’inserimento del palloncino.

Cosa succede durante il posizionamento del palloncino deglutibile?

Una volta arrivato in clinica, sarai accolto dall’équipe del medico che ti preparerà all’operazione. Tu non dovrai fare altro che sederti, aprire la bocca e ingoiare la piccola compressa vegetale che contiene il palloncino, legata ad un filo sottile e morbidissimo che sarà utilizzato per riempirlo. Per facilitare la deglutizione, berrai da un bicchiere d’acqua mentre il medico spingerà delicatamente la pillola in gola. I controlli prima e dopo il posizionamento, e la fase di posizionamento richiederanno non più di 20 minuti in totale, dopo i quali potrai già tornare a casa e riprendere le tue normali attività senza impedimenti.

Aspettative realistiche sul Programma Allurion

Il programma Allurion può garantire una perdita del 10-15% di peso in normali circostanze. Significa che, se il paziente si impegna a mangiare in maniera più oculata, a prestare attenzione agli “sgarri” e a dedicare tempo ad un po’ d’attività fisica, i risultati possono essere amplificanti, e non di poco come è successo a Carmen, per esempio.

Il supporto costante e il monitoraggio tramite Health Tracker e app Allurion sono le chiavi del successo del programma, ma non vanno interpretate come “soluzioni magiche”. Il palloncino, le guide, le informazioni, le consulenze, ogni cosa è offerto al paziente per dipendere dal paziente. Il programma è uno strumento, ma è il paziente che fa tutta la differenza.

In conclusione

Ricorda sempre che il tuo successo dipende dal tuo impegno personale e dalla volontà di perseguire un obbiettivo che sia tuo e che ti spinga verso una vita all’insegna della salute, del benessere e, perché no, anche d’estetica. Potrai finalmente rientrare nei vestiti che tanto ti piacciono o, per una volta, non sentirti disgustate dal te che si riflette nello specchio.

Il Palloncino Gastrico Gratuito: come si ottiene?

Il Palloncino Gastrico Gratuito: come si ottiene?

Nell’ampio contesto delle soluzioni per la perdita di peso, il palloncino gastrico si è affermato come un’opzione così efficace da essere incluso nei dispositivi medici convenzionati dal Sistema Sanitario Nazionale. Parallelamente, ai pazienti viene offerta la possibilità d’intraprendere un percorso di dimagrimento privato come il programma non invasivo di Allurion.

Il Palloncino Gastrico Gratuito Convenzionato


Il SSN offre la possibilità di ricevere un palloncino gastrico “gratuitamente”, per così dire. Prima, però è necessario rispettare specifici requisiti che variano in base alla regione d’appartenenza. Infatti, il trattamento del problema dell’obesità non è considerato allo stesso modo dalle Aziende Sanitarie Locali. Nonostante ciò, il Sistema Sanitario impone alcuni criteri di idoneità generali, vale a dire, requisiti minimi senza i quali non è possibile accedere ad alcuna convenzione. Tra questi:

  1. Idoneità Basata sul BMI: Il palloncino gastrico è consigliato per persone con un Indice di Massa Corporea (o BMI) molto elevato. Ad esempio, persone con un BMI superiore a 50 che necessitano di perdere peso prima di sottoporsi ad altri interventi chirurgici o pazienti con un valore compreso tradi 35 che non sono candidati ad intervento chirurgico.
  2. Valutazione Medica Multidisciplinare: Prima dell’inserimento del palloncino, i pazienti devono essere valutati da un team composto da più medici specialisti che possono includere dietisti, endocrinologi, psicologi e chirurghi, ognuno con i propri consigli e raccomandazioni.
  3. Programma a Lungo Termine: Dopo l’inserimento, è fondamentale seguire un programma dietetico e comportamentale a lungo termine per il mantenimento del peso corporeo. Inoltre, il paziente deve impegnarsi attivamente nel cambiare il proprio stile di vita e le abitudini alimentari, elemento cruciale per il successo dell’intervento.
  4. Variazioni Regionali: La disponibilità e le specifiche della procedura possono variare da regione a regione in Italia. È quindi consigliabile contattare il centro bariatrico ospedaliero più vicino per ottenere informazioni dettagliate sui servizi coperti dal SSN nella propria area.

Da come si evince, anche se offerto gratuitamente, il palloncino convenzionato richiede al pazienti di muoversi attivamente e cercare centri, cliniche, nutrizionisti, dietologi, chirurghi e, allo stesso tempo, essere responsabile del proprio percorso di dimagrimento.

Palloncino Gastrico Allurion: Un’Alternativa Non Invasiva

Il Palloncino gastrico di Allurion è disponibile esclusivamente tramite percorsi privati, agevolati anche dalla possibilità di dilazionare il pagamento in più rate. Il vantaggio più netto di questa scelta sta certamente nell’immediata accessibilità al programma, rendendolo quindi disponibile ad un ampia platea di pazienti, senza dover attendere i lunghi tempi della burocrazia che possono protrarsi per mesi e peggiore ulteriormente la situazione del paziente.

Questo, però, è solo uno dei vantaggi del palloncino gastrico Allurion, senza considerare:

  1. Non Invasività: A differenza delle procedure ospedaliere tradizionali, il programma Allurion non prevede chirurgia, anestesia o endoscopia. Non servono tempi di recupero o di degenza, né rimanere per ore in sala operatorio. In soli 20 minuti dopo il posizionamento, è già possibile tornare a casa.
  2. Rieducazione Alimentare: I partecipanti beneficiano di un percorso di rieducazione alimentare per un dimagrimento sostenibile. Cosa significa? Che i risultati ottenuti non andranno perduti nel tempo perché il paziente non ha solo perso peso, ma ha imparato a mangiare per il proprio benessere.
  3. Supporto Multidisciplinare: I pazienti sono seguiti da un team coordinato e in continua comunicazione formato da esperti nei settori della nutrizione e della perdita di peso.

Confronto dei Costi: SSN vs Allurion

Sebbene il programma Allurion presenti un costo iniziale, è importante considerare il valore del tempo e dell’efficacia. Attendere l’approvazione del SSN può essere un processo lungo, e spesso le procedure ospedaliere risultano essere invasive. Questo senza mettere in conto che il coordinamento tra medici, nutrizionisti, chirurghi o qualsiasi esperto è a carico del paziente che deve preoccuparsi attivamente di seguire un percorso per sua natura scoordinato. In confronto, il programma Allurion offre un percorso più rapido, più accessibile e personalizzato, ma soprattutto assistito, monitorato in tempo reale e con il pieno supporto del team di specialisti che si dedicano caso per caso.

In conclusione

La scelta tra il palloncino gastrico gratuito del SSN e il programma privato di Allurion dipende da fattori quali le condizioni di salute , la disponibilità economica e la preferenza personale verso procedure invasive o meno invasive. In ogni caso, quello del “palloncino gastrico gratuito” rimane un mezzo mito da sfatare, in quanto richiede uno sforzo sicuramente maggiore da parte del paziente, in termini di tempo e di energie, oltre che essere un ostacolo importante al raggiungimento dei proprio obbiettivi soprattutto a breve termine.

Programma Allurion: cosa aspettarsi?

Programma Allurion: cosa aspettarsi?

Le aspettative realistiche nei confronti di un percorso come quello di Allurion, dalla prima visita fino all’espulsione.

Il palloncino Allurion è spesso frainteso, come buona parte di quei programmi ritenuti “rivoluzionari”, quasi fosse avvolto in un alone di dubbio che può essere espresso nelle ormai classiche domande:

  • ma funziona? è sicuro? mi farà perdere peso?
  • non è che rimane incastrato? e se mi viene da vomitare? e se esplode?
  • cosa posso mangiare? dovrò stare sempre a dieta?

Non trovare una risposta chiara e sincera, che quindi vada aldilà della mera pubblicità, non fa altro che alimentare questi dubbi, portando ad allontanarsi da un programma per la perdita di peso non invasivo, concepito per essere gratificante e salutare. Un percorso verso il benessere, ancor prima del fattore estetico.

Cosa aspettarsi dal palloncino, nel concreto?

L’iter da seguire è identico per ogni paziente, indipendentemente dall’età, dal sesso o dalla regione di provenienza.

Per prima cosa, ti basterà metterti in contatto con noi e farti una chiacchierata con uno dei nostri specialist. Ovviamente, parliamo di una consulenza totalmente gratuita, in cui potrai porgere qualsiasi domanda ed esporre ogni timore. Ricorda soltanto un dettaglio molto importante: il programma è a numero chiuso, dunque, parlerai con il TUO consulente personale, non con un impiegato di un call center. Parlerai con la stessa persona che ti seguirà passo passo durante tutta la durata del percorso.

1.Idoneità

Parlare con lo specialist di Medita serve a capire se e come puoi affrontare al meglio il programma Allurion. Ci sono infatti dei requisiti da rispettare per potervi accedere. Ti sarà chiesto, ad esempio, se hai già avuto interventi chirurgici al tratto gastrico, se soffri di acidità di stomaco o reflusso, ed altri quesiti necessari a garantire la tua idoneità. Questa chiacchierata ha l’obbiettivo di semplificare il processo di candidabilità, così da non farti muovere neanche di casa!

2.Prima visita

Una volta concordata l’idoneità, sarai direzionato esclusivamente verso medici certificati Allurion, in uno dei nostri centri d’eccellenza che si trovano in tutta Italia. Ti forniremo opzioni per l’orario, luogo dell’incontro, modalità di pagamento, credenziali del medico e del nutrizionista, indirizzi delle cliniche e degli studi medici. Ti forniremo noi qualsiasi cosa, in modo che tu possa concentrarti solamente sul portare a termine il programma Allurion.

3.Inserimento

Come per la prima visita, anche per la fase dell’inserimento penseremo noi ad ogni cosa. Ti daremo tutte le indicazioni e le informazioni che ti servono, e tu non dovrai fare altro che recarti presso la clinica più vicina a te, sederti, bere un po’ d’acqua per mandare giù la compressa che contiene il palloncino e tornare a casa dopo 20 minuti.

Se ti sembra troppo semplice, non ti stai sbagliando: il palloncino Allurion nasce proprio con lo scopo di superare i limiti degli altri palloncini endogastrici. E’ il risultato di oltre 14 anni di ricerche in campo medico-nutrizionale e, soprattutto, del contatto sincero e genuino tra pazienti disposti a parlare e professionisti disposti ad ascoltare.

4. I primi giorni

La prima settimana porta con sé qualche piccolo fastidio, ma nulla di grave o irrisolvibile. Molto probabilmente, il medico ti avrà già prescritto qualche medicinale da banco per combattere il lieve senso di nausea o i piccoli crampi addominali che il palloncino può portare. Non succede sempre, sia chiaro: è prettamente personale.

Questo accade perché il tuo corpo riconosce il palloncino gastrico come un elemento estraneo e necessita di un po’ di tempo prima di assestarlo nello stomaco. L’alimentazione favorisce nettamente l’integrazione del palloncino, in particolare durante i primi giorni, dove ti verrà prescritta una dieta liquida dal nutrizionista, che passerà poi ad una semi-solida e, infine, potrai tornare a mangiare tutto quello che vuoi nel giro di 1-2 settimane.

Durante tutta la durata del percorso, specialist, medici e nutrizionisti saranno a tua completa disposizione per qualsiasi informazioni o intervento tempestivo. Potrai contattarli se senti l’esigenza di farlo, per qualsiasi motivo, anche per una semplice chiacchierata che possa darti il supporto emotivo di cui hai bisogno.

5. L’espulsione

Il palloncino gastrico si sgonfia da solo poco alla volta nel giro di 4 mesi. Per essere precisi, il palloncino rimane nello stomaco per circa 16 settimane, ma può essere espulso un po’ prima o un po’ dopo. Anche questo è prettamente personale. Una volta sgonfio, sarà così piccolo e sottile che non lo percepirai neppure durante l’espulsione.

Arrivato a questo punto, avrai già perso una buona parte del peso in eccesso, ma per consolidare i risultati e fare in modo che questi siano duraturi nel tempo, il programma prosegue per altri 2 mesi. Durante questo periodo, sarai rieducato al mangiare, all’alimentazione. Capirai come regolarti, cosa mangiare e come farlo. Riuscirai a distinguere i vari sensi di fame e ad assecondare solo quello giusto. Insomma, sarai in grado di proseguire con le tue sole forze, ormai consapevole e rieducato al tuo benessere.

6. E per concludere …

Il programma Allurion è studiato per essere facile da comprendere quanto da attuare, in modo da far sentire i pazienti più sicuri, ma anche rendere semplicissima la procedura per il medico che dovrà posizionarlo. Ciò che hai appena letto, ti sarà approfondito dal tuo specialist che, anche a costo di essere noiosi e ripetitivi, è la tua figura di riferimento, il tuo principale referente, consigliere e consulente durante tutto il percorso.

Palloncino gastrico in farmacia: il falso mito del dimagrimento fai-da-te

Palloncino gastrico in farmacia: il falso mito del dimagrimento fai-da-te

Quando si parla di perdere peso, il mercato offre numerose opzioni: da quelle meno invasive, come integratori e medicinali da banco, fino ad interventi chirurgici più drastici, quali il bypass o la sleeve. Uno dei metodi più consigliati dai medici negli ultimi anni include l’utilizzo del cosiddetto “palloncino gastrico”, un dispositivo che si inserisce nello stomaco per garantire un senso di sazietà più o meno prolungato. Tra le opzioni disponibili, il palloncino gastrico Allurion figura tra le più efficaci, sia in termini di quantità di chili persi, sia in rapporto al tempo, poiché i risultati rimangono intatti anche a distanza di anni.

I palloncini non sono tutti uguali

Come già illustrato nell’articolo dedicato, di palloncino gastrici ce ne sono tanti sul mercato, ma non sono tutti uguali, neanche per il principio di funzionamento. Ad esempio, il palloncino gastrico Allurion viene posizionato in pochi minuti e riempito con soluzione fisiologica; l’Heliosphere viene riempito di aria; lo Spratz si può gonfiare e sgonfiare a seconda delle necessità. Per il palloncino venduto in farmacia il discorso è ben diverso. Questi prodotti, infatti, non si possono considerare neanche dispositivi medico-chirurgici, in quanto non sono altro che medicine da banco o, spesso, integratori alimentari.

Soluzione temporanea contro programma strutturato

Il palloncino gastrico Allurion rappresenta una soluzione non chirurgica e non invasiva per il controllo del peso, esattamente come il palloncino in farmacia, ma, a differenza di questo, non si tratta soltanto di un dispositivo o un integratore, ma di un programma completo di 6 mesi, personalizzato, monitorato e assistito da un team di esperti nel campo della nutrizione e del dimagrimento.

I palloncini spezza-fame in farmacia sono trattamenti fai-da-te, ovvero, li assumono direttamente i pazienti senza alcun supporto medico o nutrizionale e non lascia nient’altro: nessuna formazione, nessuna rieducazione, nessuno miglioramento psicologico e nessuno risultato che si mantenga intatto alla fine percorso o all’interrompersi dello stesso. Come un Aspirina, i palloncino gastrici in farmacia sono un ripiego da assumere quando si percepisce un serio problema con la fame, anche se il giorno successivo è di nuovo lì, presente, a chiedere un’altra compressa. Difatti, essi non sono una soluzione permanente, in nessuno caso.

Il palloncino gastrico in farmacia

Come già detto, questi integratori o i medicinali da banco sono sostanze che, una volta ingerite, agiscono in due modi: o attenuando il senso di fame attraverso la loro composizione chimica o espandendosi nello stomaco per creare temporaneamente un senso di pienezza (sono, appunto, tanti piccoli palloncini che si gonfiano e sgonfiano da soli una volta nello stomaco). Inoltre, questi prodotti vanno assunti quotidianamente, prima di ogni pasto di solito, in quantità che vanno da 1 a 3 compresse, e forniscono solo un effetto momentaneo. Visto il tempo necessario per perdere peso, questi trattamenti possono risultati anche molto costosi sul lungo termine, al pari di una terapia.

In conclusione

Mentre il palloncino Allurion e i palloncini in farmacia possono sembrare molto simili negli intenti di ridurre la fame, le differenze sono così sostanziali da non poterli neanche affiancare perché sono due cose completamente diverse. Un’ascia e una motosega hanno lo stesso scopo, ma i principi di funzionamento, le caratteristiche intrinseche e la fattura del taglio sono totalmente diversi, così come lo sono il programma di dimagrimento con Allurion e i palloncino gastrici venduti in farmacia.

La scelta finale, naturalmente, spetta al paziente che dovrà giudicare il suo rapporto con il cibo sulla base delle proprie abitudini alimentari. Un paziente già consapevole, che vede nei palloncini in farmacia un piccolo supporto e non una soluzione definitiva, può benissimo optare per questo tipo di prodotti, sicuri da assumere anche per un certo tempo. La differenza più significativa si vedrà sempre nei risultati e nella loro durata, ma, soprattutto, sul benessere che solo un percorso come quello di Allurion può garantire.

Dilazionamento Programma Allurion in 12 mesi

Dilazionamento Programma Allurion in 12 mesi

Medita Medical si impegna a rendere i trattamenti di dimagrimento più accessibili a tutti.

L’innovativo Palloncino Gastrico Allurion, noto per essere la migliore soluzione non invasiva per la perdita di peso, è disponibile con un’opzione di pagamento flessibile con la suddivisione dell’importo fino ad un massimo di 12 mesi.

Con un costo superiore ai 3.400 euro, il programma con il Palloncino Allurion può rappresentare un esborso significativo per una sola persona, soprattutto se è da saldare in un’unica volta. Riconoscendo le attuale difficoltà economiche, in particolare per quelle spese che vengono percepite come “alte”, Medita Medical ha introdotto un piano di dilazionamento che permette ai pazienti di distribuire il costo del programma fino ad un massimo di anno.

Perché scegliere il pagamento rateale?

  1. Accessibilità: con la consapevolezza che il costo del palloncino possa essere un ostacolo significativo, offriamo una soluzione che permette di non rimandare quegli obiettivi di salute a causa di limitazioni finanziarie. Questo approccio democratizza l’accesso ai trattamenti medici di alta qualità come Allurion, garantendo che più persone possano beneficiare di un percorso di dimagrimento.
  2. Flessibilità: comprendiamo che ogni paziente ha una situazione finanziaria unica ed è per questo che il nostro programma è offerto per essere personalizzabile secondo le esigenze di budget e di tempo.
  3. Serenità: affrontare una trasformazione di stile di vita può essere molto impegnativo, sia emotivamente che fisicamente. Quindi, siamo consci che la serenità finanziaria non debba essere altro che ulteriore motivo, l’ennesimo vantaggio per raggiungere i risultati desiderati.

Come funziona il dilazionamento?

I punti fondamentali del piano di rateizzazione sono semplici e lineari da seguire.

  1. Consulto Iniziale: la prima cosa da fare è mettersi in contatto con uno dei nostri Specialist. Durante la consulenza telefonica gratuita, saranno discusse le esigenze individuali del paziente (anche finanziarie, in questo caso) e gli sarà illustrato nel dettaglio come accedere all’opzione di rateizzazione.
  2. Personalizzazione: una volta valutata la condizione del paziente ed appurata la sua idoneità, si può passare alla personalizzazione del piano, grazie al quale si potrà scegliere come suddividere il proprio investimento per la salute.
  3. Procedura e Assistenza: quando il piano di dilazionamento viene approvato, i pazienti possono già cominciare il loro percorso ed essere assistiti in totale trasparenza, soprattutto quando si parla di soldi.


Medita Medical si impegna a fornire soluzioni tanto innovative quanto accessibili per il benessere personale. Il nostro programma di dilazionamento di 12 mesi è un passo avanti verso questo impegno, offrendo ai pazienti l’opportunità di intraprendere il loro viaggio verso una vita più sana in modo finanziariamente sostenibile.

Palloncino Gastrico ad Instabul: cosa dovresti sapere

Palloncino Gastrico ad Instabul: cosa dovresti sapere

Riflessioni sulla Sicurezza dei Trattamenti con il palloncino gastrico in Turchia

L’interesse per i trattamenti con palloncino gastrico in Italia stanno credendo, specialmente i percorso di dimagrimento offerti ad Istanbul. Questa tendenza solleva interrogativi legati in particolare alla sicurezza e all’efficacia di tali trattamenti, soprattutto quando si parla della delicata questione dell’assistenza post-procedura a distanza. In questo articolo, analizzeremo le implicazioni di scegliere Istanbul, Turchia, per il trattamento con palloncino gastrico, esaminando la qualità dell’assistenza e i possibili rischi.

La convenienza a scapito della sicurezza

In Turchia, il prezzo per il programma dimagrante con palloncino gastrico può sembrare molto allettante, tanto da arrivare a costare anche meno della metà. Questo accade – tra le altre cose – perché gli standard qualitativi e di sicurezza non sono gli stessi che in Italia. Qui vige una regolamentazione differente, molto più attenta e stringente. Dunque, è necessaria una valutazione accurata anche per quanto riguarda l’assistenza, che potrebbe rivelarsi non altezza della aspettative.

E dopo il palloncino?

La gestione della post-procedura, vale a dire il supporto costante, il monitoraggio in tempo reale, la consulenza garantita da medici, nutrizionisti e specialist di Medita Medical, non vengono sempre garantite quando si posizione il palloncino in Turchia. Le difficoltà nell’ottenere assistenza immediata in caso d’emergenza potrebbero aumentare i rischi per la salute perché, banalmente, non si potrà ricevere l’aiuto tempestivamente l’aiuto adeguato.

Copertura, assicurazioni e garanzie

Chi sceglie di posizionare il palloncino gastrico ad Instabul deve essere consapevole delle implicazioni cosiddette “burocratiche”, in particolare legali ed assicurative. Basti immaginare di dover chiedere un rimborso. La regolamentazione turca è diversa da quella italiana e potrebbe non garantire affatto il sostegno legale necessario per far valore un proprio diritto, soprattutto se si considera che la Turchia non è membro dell’EU, dunque, non è sottoposta alla sua stringente regolamentazioni in campo medico-sanitario.

In conclusione

Scegliere la Turchia per un cosiddetto travel care richiede un’attentissima considerazione di quelle che sono i rischi per la sicurezza e la qualità del trattamento e della sua assistenza. I pazienti dovrebbero ponderare bene la possibilità di prediligere la convenienza ad scapito della qualità, ancora convinto che la salute sia un aspetto della vita su cui risparmiare.

Trasforma la Perdita di Peso in un Viaggio verso il Benessere

Medita Medical rappresenta il primo network italiano di cliniche specializzate in percorsi di dimagrimento non invasivi.

La rete formata dai nostri centri d’eccellenza ha scelto di abbracciare il valore dell’innovativo programma Allurion per garantire il benessere fisico e psicologico prima dell’estetica. Un percorso che promuove la salute del paziente grazie al palloncino gastrico Allurion che non richiede chirurgia, anestesia o endoscopia. Si posiziona in soli 20 minuti e dà accesso ad un percorso completo, assistito e costantemente monitorato da parte di un team di professionisti nei campi della nutrizione e del dimagrimento.

Una visione di successo per sconfiggere l’obesità

Grazie al sostegno e alle attenzioni di una squadra di esperti, tra medici, nutrizionisti e consulenti, Medita Medical ha riportato oltre 2.000 pazienti a sorridere davanti allo specchio. Centinaia di persone che avevano provato di tutto, dalle diete alla palestra fino alle bibite miracolose, hanno finalmente raggiunto i propri obbiettivi di peso e, soprattutto, li hanno mantenuti con le loro sole forze.

Il programma di dimagrimento Allurion ha permesso a donne e uomini di ogni età di raggiungere un duraturo senso di benessere e rinnovata serenità. Il merito non è soltanto del palloncino, di cui rappresenta il cuore, ma della costanza di quelle persone che sono riuscite a cambiare – e a cambiarsi – grazie ad una scelta consapevole, indirizzata verso la propria la salute.

La più ampia realtà italiana del settore

Medita Medical è stata fondata con l’obbiettivo di superare i limiti dei trattamenti tradizionali per la perdita di peso e lo ho fatto pensando in maniera capillare. Facendo in modo che sia lei ad arrivare direttamente dal paziente. La collaborazione con cliniche d’eccellenza, attentamente selezionate, certificate e con elevati standard di sicurezza, assicura ad ogni paziente l’accesso agli innovativi trattamenti non invasivi ovunque si trovi.

Un singolo team di esperti per ogni soluzione

Il valore aggiunto della rete Medita è l’approccio multidisciplinare ai problemi legati all’obesità. Non c’è soltanto un palloncino gastrico nello stomaco. C’è un’intera squadra formata da medici, nutrizionisti e consulenti che si avvalgono di potenti servizi digitalizzati per monitorare costantemente ogni aspetto della salute del paziente, dalla perdita di peso alla rieducazione alimentare, fino al benessere psicologico ed emotivo.

Esplora la nostra rete di centri d’eccellenza

Ogni clinica è stata attentamente selezionata seguendo rigidi standard di sicurezza ed accoglienza al fine di creare un ambiente che metta a proprio agio il paziente durante il posizionamento del palloncino gastrico. Medita ha scelto di affidarsi unicamente a specialisti con anni di esperienza nel campo del dimagrimento e della nutrizione, e di renderli accessibili sul territorio nazionale.

CalabriaMedilab Center
Corso Italia, 2, 87040 Taverna CS
Campania (NA)Clinica Posillipo
Via Posillipo, 168, 80123 Napoli
Campania (SA)Istituto polidiagnostico d’Agosto
Via Giuseppe Atzori, 139, 84014 Nocera Inferiore SA
Emilia-RomagnaCasa di Cura Montanari
Via Roma, 7, 47833 Morciano di Romagna RN
Lazio (FR)Casa di Cura Sant’Anna
Via K. Herold, 03043 Cassino FR
Lazio (RM)Villa Borghese Medical Center
Viale del Galoppatoio, 33, 00197 Roma
LiguriaVilla Serena
Piazza Leopardi, 18, 16145 Genova GE
LombardiaClinica Diagnofisic
Corso Lodi, 49, 20139 Milano
PiemonteClinica Sedes Sapientiae
Via Giorgio Bidone, 31, Torino
PugliaCentro Radiologico Laertino
Via della Resistenza, 86, 70125 Bari
SardegnaStudio Medico Nazario Sauro
Via Nazario Sauro, 9/11, 09123 Cagliari
SiciliaCentro Medico Polispecialistico L’Emiro
Via Eugenio l’Emiro, 22, 90135 Palermo
VenetoCasa di Cura Madonna della Salute
Via Nicola Badaloni Uomo Politico Medico Insigne, 25, 45014 Porto Viro RO

Grazie di prenderti cura di te

Indipendentemente dal passo che hai compiuto o dall’intenzione che hai, ci teniamo ad esprimerti la nostra ammirazione per il coraggio che dimostri nel voler cambiare te stesso. E questo significa tanto.

Al tuo successo!

Il Palloncino Gastrico: rischi ed invasività

Il Palloncino Gastrico: rischi ed invasività

Come ogni altro trattamento medico, anche i programmi che prevedono l’inserimento di un palloncino gastrico possono presentare dei rischi, che però è bene dimensionare in maniera scientifica o quanto meno realistica.

Anche un’aspirina ti può uccidere.

Detto così può sembrare solo allarmismo ingiustificato, ma tecnicamente è la verità: un’aspirina ti può uccidere, in teoria. In pratica, bisogna analizzare concretamente caso per caso per estrapolarne la verità, magari solo per scoprire che, ad esempio, è stata assunta da un inconsapevole paziente allergico al principio attivo o che il paziente in questione fosse già gravemente malato e l’aspirina servisse solo ad attutirne i sintomi. Discorso analogo per tutti i trattamenti medici, sanitari e farmacologici: ognuno di essi è rischioso ed è sufficiente che si verifichi anche un solo caso su un miliardo per generare una statistica.

La domanda fondamentale da porsi è: quanto è realmente rischioso?

La risposta secca, almeno nel campo del dimagrimento, è: infinitesimale, nell’ordine dei millesimi, dunque, molto, ma molto meno rischioso che guidare un’automobile su di una strada non trafficata, cucinare una porzione di pasta su un fornello a gas o persino salire e scendere le scale una sola volta al giorno. Sono tutti comportamenti statisticamente più rischiosi del posizionare, tenere ed espellere un palloncino gastrico, ancor meno nel caso di modelli non invasivi come quello di Allurion. Eppure sembra che non ci rendiamo conto del significato delle statistiche e, soprattutto, delle differenze nei tassi d’incidenza delle stesse.

Questo accade perché la paura è molto spesso irrazionale, come accade a chi, ad esempio, è terrorizzato da un minuscolo ragnetto che non potrebbe nemmeno sognarsi di farci del male. Nonostante ciò, è più facile scoprire una persona – anche di propria conoscenza – che ha paura dei ragni piuttosto che trovarne una che è terrorizzata dal guidare un’automobile o prepararsi il pranzo.

L’inganno dell’efficacia della chirurgia

Un’altra importante incomprensione è l’idea che un intervento chirurgico sia più efficace rispetto a qualsiasi altro metodo. Come già detto nell’articolo dedicato, il trauma provocato da un’operazione di questo tipo può incidere in maniera permanente sulla qualità della vita del paziente. Non in ogni caso, beninteso, ma dire “un’operazione chirurgica è più efficace di una che non lo è” è totalmente sbagliato. I metodi non invasivi sono stati brevettati proprio per evitare gli interventi chirurgici o, in generale, i più invasi. Gli stessi studi condotti in ambito medico dimostrano che non c’è differenza di efficacia tra un metodo chirurgico e il suo corrispettivo che non lo è, come nel caso della medicina rigenerativa o di tutti quegli approcci considerati naturali, come il trattamento PRP per le calvizie.

Pensaci! Perché complicarsi la vita – e la salute – per una complessa operazione chirurgica quando si può risolvere il problema con un trattamento meno complesso, meno costoso e meno invasivo? In ogni caso, il guadagno è reciproco, sia del paziente che del medico. E’ bene sottolineare che ci sono casi in cui la chirurgia è l’unica via percorribile, ma quando è possibile sostituirla con un trattamento pari o persino migliore, perché non farlo?

Dunque, la prossima volta che ti ricapiterà di pensare ai rischi di un palloncino gastrico in confronto al prepararsi la cena o a dare retta allo zio che reputa la chirurgia come la soluzione definitiva, tieni sempre in mente che rischi e pericoli ci saranno sempre, ma da soppesare. Statistiche alla mano, anche un asteroide ha la possibilità di colpirti dritto in testa, ma ci sono più possibilità che tu vinca il Superenalotto invece.

Il Palloncino Gastrico: caratteristiche e funzionamento

Il Palloncino Gastrico: caratteristiche e funzionamento

Dispositivo medico temporaneo, il palloncino gastrointestinale viene riempito solitamente con soluzione fisiologica e rimosso, il più delle volte, tramite tecniche chirurgiche o endoscopiche.

Come già detto, quando si parla di “palloncino gastrico”, si fa riferimento ad una particolare CATEGORIA di dispositivi medici e non uno specifico dispositivo. In ogni caso, il principio di funzionamento è semplice: si posiziona (sgonfio) all’interno dello stomaco e riempito con una soluzione che ne aumenta le dimensioni. Una volta gonfiato, il palloncino occupa una parte importante dello stomaco del paziente e gli induce un forte senso di sazietà. Grazie a ciò, il paziente ingurgiterà meno cibo e dimagrirà nel tempo.

Caratteristiche del palloncino gastrico

Un palloncino intragastrico è un dispositivo di forma sferica, flessibile, liscio e morbido, di dimensioni abbastanza variabili, ma sufficientemente contenute da entrare nel palmo della mano quando gonfiato. Prima di essere posizionato, un palloncino ha dimensioni estremamente ridotte ed è collegato a un lungo e sottile tubicino che permetterà al medico di riempirlo in rari casi con acqua o aria, ma più frequentemente con soluzione fisiologica, la stessa acqua pura già largamente utilizzata in ospedali e cliniche. Dovendo essere posizionato nello stomaco e, dunque, all’interno del corpo, un palloncino dimagrante è costituito da materiali anallergici – come il poliuretano – per evitare l’insorgenza di intolleranze come accade con il latex

Come funziona un palloncino gastrico?

Il primo passo da compiere in ogni percorso dimagrante è consultare il proprio medico affinché possa attestarne la candidabilità. Qualora risultasse positivo alla possibilità di inserire un palloncino gastrico, il paziente dovrà recarsi nella clinica designata e sottoporti al trattamento. A seconda del modello selezionato, la seduta ambulatoriale per il suo inserimento può durare 15-20 minuti al massimo, ma potrebbe essere necessario più tempo in dipendenza alla complessità dell’intervento. Basti pensare che la stragrande maggioranza dei palloncini gastrici richiedono un approccio di tipo endoscopico per il posizionamento, per la rimozione o per entrambe. L’inserimento può essere talvolta preceduto dalla somministrazione di un anestetico per inibire fastidi o dolori. Tutto ciò non fa altro che aumentare il tempo di permanenza della seduta del paziente.

Una volta terminato il posizionamento, il paziente non dovrà fare altro che attenersi alle indicazioni di carattere medico-nutrizionali affinché possa perdere peso efficacemente ed entro i tempi previsti dal dispositivo. Terminato il suo periodo utile, si passa alla rimozione, che avviene solitamente tramite endoscopia, grazie alla quale il medico può bucare il palloncino e tirarlo via una volta sgonfio. Eccezion fatta per il palloncino Allurion, che viene invece espulso con le feci senza che il paziente se ne accorga, oltre a non richiede endoscopia, né per essere posizionato, né per essere rimosso (se non nei casi più estremi). Vista la “delicatezza” del dispositivo, non è nemmeno necessario sottoporsi ad anestesia.

Nell’articolo dedicato, ci occuperemo dei rischi – molto spesso irrazionali – legati all’utilizzo dei palloncini gastrici e cercheremo di quantificare il grado d’invasività dei dispositivi presi in esame.

Il Palloncino Gastrico: la soluzione medica per perdere peso

Il Palloncino Gastrico: la soluzione medica per perdere peso

Parte integrante dei programmi di dimagrimento, il palloncino gastrico è una soluzione medica sicura per la perdita di peso, pur con i propri limiti e, in minor misura, coi propri effetti sul corpo.

Dieta ed esercizio fisico. Sono sempre stati imperativi per qualsiasi percorso di dimagrimento o, in termini più colloquiali, corrisponde all’ormai assodato vado dal nutrizionista e mi iscrivo in palestra. Con pazienza, costanza e dedizione si possono raggiungere gli obbiettivi fissati “soltanto” mangiando in maniera più salutare e svolgendo attività fisica, ma quando tempo, salute e soprattutto volontà vengono a mancare per un motivo o per un altro, il metodo canonico non risulta più efficiente o persino controproducente.

Come si arriva al palloncino intragastrico?

La risposta più diretta è: “quando dieta ed esercizio fisico non sono sufficienti”. Una definizione generica, certo, ma anche coerente se la si va a sviscerare in tutte le sue sfaccettature. Per esempio, perché non si può migliorare con la sola dieta? Perché il corpo non cambia anche svolgendo attività fisica? Perché mancano la voglia e le energie per terminare un programma di dimagrimento?

Il ventaglio di motivazioni è ampio e comprende ogni sfera: emotiva, fisica, sentimentale, psicologica. Indipendentemente da ciò, qualunque possa essere la motivazione, se il cibo non riesce ad trasformarsi in una cura e l’esercizio fisico appare solo come una perdita di tempo, è il momento di optare per un’alternativa medica controllata.

Di palloncini gastrici ce ne sono tanti e diversi

Partiamo con il più conosciuto, il BIB (Bioenterics Intragastric Balloon, tradotto letteralmente in pallone gastrico bioenterico) vale a dire che va ad operare indirettamente sul sistema nervoso enterico che gestisce le funzioni dell’apparato digerente, e lo fa inibendo il senso di fame. Per spiegarlo in parole semplici, il palloncino occupa spazio nello stomaco così da far sentire al paziente un maggiore senso di sazietà, cosa che lo spinge a mangiare minori quantità di cibo. E’ come se ogni giorno ci alzassimo dal letto con una sensazione reale di pienezza e sazietà come se si fosse mangiato poco prima.

Da questo “semplice” concetto, negli anni successivi sono stati brevettati altri modelli come l’Heliosphere Bag, riempito d’aria invece che di acqua; il palloncino gastrico Orbera, che può rimanere nello stomaco fino a un anno; lo Spatz3 con la peculiarità di poter essere adattato, gonfiandolo e sgonfiandolo a seconda delle necessità; il ReShape Duo che prevede il posizionamento di due dispositivi indipendenti nello stomaco; Obalon, il primo a poter essere posizionato senza gastroscopia, ma necessaria alla sua rimozione. Di nuova generazione e totalmente non invasivo è invece il palloncino gastrico di Allurion (chiamato Elipse) che è riuscito ad infrangere le barriere dell’anestesia e della gastroscopia, rendendole inutili per il trattamento.

Se il palloncino gastrico non funziona?

Come da prassi, i casi clinici vanno valutati singolarmente dal medico. Se le soluzioni meno invasive risultano inutili o, semplicemente, non convincono il paziente della loro efficacia, questi può optare per un intervento chirurgico al tratto gastro-intestinale, tra cui bypass gastrico, bendaggio o sleeve gastrectomy.

Operazioni di questo tipo sono quasi sempre efficaci, ma molto spesso ci si dimenticata che un intervento chirurgico è alla stregua di un trauma controllato, come se si fosse ricevuta una coltellata. Per quanto possa sembrare esagerato definirlo così, basta soffermarsi su ciò che accade nel concreto: la pelle è tagliata, i vasi sanguigni recisi e i tessuti perforati. Si è creato un trauma, una o più ferite di entità variabili che guariranno solitamente nel corso di tanto tempo e con i giusti accorgimenti farmacologici e comportamentali . L’unica differenza sta nella finalità: nel caso di un intervento, è terapeutica, mentre nell’altro ha il solo scopo di arrecare danno. Questo per informare (o ricordare) che le operazioni chirurgiche per perdere peso sono invasive e, quindi, stravolgono non poco le abitudini del paziente e il suo stesso corpo con effetti che può potenzialmente portarsi dietro tutta la vita.

Nell’articolo dedicato, ci soffermiamo sulle caratteristiche del dispositivo e sul suo funzionamento.

Come funziona il palloncino Allurion?

Come funziona il palloncino Allurion?

Il palloncino dimagrante di Allurion deve il suo successo alla peculiarità di essere un dispositivo medico non invasivo, frutto di un lungo e oculato lavoro da parte dei ricercatori di Allurion Technologies.

“Come funziona il Palloncino Allurion?”

La risposta più coincisa sarebbe:

“Si posiziona nello stomaco del paziente in 20 minuti e gli dona un forte senso di sazietà che lo aiuta a dimagrire.”

In realtà, è nei retroscena che si trova il vero valore del palloncino di Allurion perché, diciamocelo, non è semplice da capire, motivo per il quale è necessario sviscerarne i dettagli per comprenderne le potenzialità.

Come funziona il palloncino Allurion

Per cominciare, è sufficiente mettersi in contatto con uno dei nostri specialist che passerà ad illustrare le condizioni necessarie per essere candidabile, vale a dire:

  • Avere un BMI pari o superiore al 27
  • Un’età compresa tra i 16 e 65 anni
  • Non abusare di alcol e caffeina
  • Non essersi mai sottoposti ad interventi chirurgici all’addome
  • Non essere incita o in allattamento

Appurata la candidabilità, è possibile organizzare il primo incontro con il medico per passare allo step successivo.

Controlli medici

Alla prima visita, il medico incaricato accerterà nuovamente la candidabilità del soggetto, in quanto è possibile che il paziente abbia patologie o disturbi che potrebbero compromettere la riuscita del posizionamento. In parole povere, è indispensabile il parere di un medico per proseguire. Una volta ricevuto l’ok, si passa a prenotare la seduta per il posizionamento, solitamente entro 2-3 settimane dal controllo medico preliminare.

Il posizionamento

Il giorno del posizionamento, il paziente non deve fare altro che raggiungere la clinica designata e sottoporsi ad una seduta ambulatoria di circa 20 minuti, senza chirurgia, senza anestesia e senza endoscopia. Durante questo breve lasso di tempo, al paziente sarà chiesto solo di deglutire la capsula vegetale di pochi centimetri che contiene il palloncino sgonfio in poliuretano, materiale già largamente utilizzato in ambito medico-chirurgico. Una volta nello stomaco, il medico effettua un primo controllo per appurare che il palloncino sia ben posizionato e, se lo è, procede a riempirlo con 550 cc di soluzione fisiologica (acqua con una minima quantità di sale). Infine, il medico controlla nuovamente la posizione del palloncino prima di lasciare andare il paziente.

Dopo il posizionamento

Essendo il palloncino un corpo estraneo, è necessario attendere un paio di giorni prima che si assesti e che il corpo si adatti. Durante questo periodo, il nutrizionista che segue il paziente gli somministrerà una dieta cosiddetta liquida e poi semi-solida, ossia basata su cibi – per l’appunto – liquidi o comunque densi, ma non completamente solidi. In caso, può essere necessario anche una cura farmacologica per bloccare i fastidi dell’assestamento del palloncino nello stomaco, niente di più di semplici medicinali da banco da prendere per non più di tre giorni. Passata la prima breve fase (che solitamente non eccede la settimana), al paziente rimarrà solo il forte senso di sazietà garantito dal palloncino. Così facendo, ingurgiterà meno cibo e dimagrirà col tempo senza dover fare rinunce come viaggi e vacanze, ma solo piccole accortezze con il cibo.

Inizio e conclusione del programma

Il palloncino rimarrà nello stomaco del paziente per 4 mesi circa (giorno più, giorno meno è indifferente), durante i quali sarà inconsapevole della presenza del palloncino in quanto, come già detto, non è invasivo, oltre che essere costantemente monitorato per seguire in tempo reale i suoi progressi. Sullo scadere dei 4 mesi, la valvola del palloncino rilascia lentamente il contenuto del dispositivo che, ricordiamo, si tratta di semplice acqua che non ha il minimo impatto sul corpo. Il programma Allurion prosegue nei due mesi successivi per rieducare all’alimentazione il paziente in modo che possa proseguire serenamente dopo i 6 mesi totali del programma senza però rimettere peso.

Cosa determina il prezzo del Palloncino Gastrico Allurion?

Cosa determina il prezzo del Palloncino Gastrico Allurion?

Il prezzo del palloncino gastrico Allurion (Elipse) e del relativo programma è determinato da una moltitudine di fattori che incidono non poco sul costo finale.

Quando un paziente legge del prezzo del palloncino gastrico Allurion, è inevitabile che si chieda il perché sia così costoso. Certamente non si può parlare di un programma economico, così come non lo si può considerare solo come uno strumento da vendere ad prezzo esorbitante al pari di un comune attrezzo da lavoro. Per meglio comprendere i motivi dietro il costo, è necessario mettere in chiaro e sottolineare una serie di dettagli essenziali.

1 – E’ un programma, non un prodotto

Quando si acquista un paio di scarpe, si entra in negozio, si sceglie con attenzione e infine si paga alla cassa. Si è responsabili del prodotto appena acquistato e i rapporti con il venditore si limitano ad una restituzione, sostituzione o rimborso. Nonostante sia “venduto” così, il Palloncino Gastrico Allurion non è affatto un prodotto, ma un programma completo di rieducazione alimentare. Trattandosi di un percorso completo che ha come scopo il dimagrimento, comprende non solo il prodotto, ma anche un sostegno su tutta la linea tanto da parte dei medici quanto di Medita Medical.

2 – C’è un team di esperti a seguire il paziente

Chi sceglie di sottoporsi al programma di Allurion, deve essere consapevole che il suo prezzo è giustificato dalla presenza di un intero di team di persone che seguono il paziente. La prima persona con cui si entra in contatto è uno di specialist, un tutor particolarmente preparato con le competenze per guidare il paziente dalla prima telefonata fino alla fine del percorso di sei mesi. Segue, naturalmente, la figura del medico, indispensabile al prosieguo del trattamento. Parliamo di specialisti con esperienza spesso decennale che hanno guadagnato la certificazione dalla stessa Allurion per poter praticare il posizionamento del dispositivo. Subito dopo, si aggrega al team il medico dietologo o nutrizionista che offre percorsi alimentari personalizzati per tutta la durata del programma.

3 – E’ un prodotto innovativo

Il termine “innovativo” è fin troppo inflazionato, usato per lo più a scopo di marketing per attirare nuovi clienti. Un prodotto davvero innovativo presenta solitamente un costo maggiore per una semplice ragione: la ricerca. Facciamo un esempio. Quando si acquista un’automobile di uso comune si ottengono piccole prestazioni per un piccolo costo. Inversamente, acquistare un bolide sportivo ha un costo superiore che non deriva solo dalle materie prime, ma anche – e soprattutto – dal tempo, dalle energie e dall’impegno degli esperti che l’hanno brevettato. Quindi, riprendendo l’esempio precedente, non si paga solo il bolide, ma tutto il lavoro che è stato necessario per creare quel bolide, lavoro che gli permette di essere tanto performante.

4 – E’ certificato e garantito

Trattandosi di un dispositivo medico, il palloncino gastrico Allurion è stato commercializzato solo a fronte di stringenti controlli qualitativi. Questi ultimi impongono rigidissimi standard per brevettare e vendere dispositivi medici, ad esempio, la scelta del poliuretano per creare il palloncino, il rivestimento naturale della capsula esterna e la valvola interna che si deteriora lentamente nello stomaco. In generale, i dispositivi medici sono costosi perché realizzati sotto stretta osservazioni e solo con materie prime selezionate perché non provocano infezioni, allergie, irritazioni o stati simili. Allurion non è da meno, avendo dovuto ottenere la certificazione ISO per poter commercializzare il suo palloncino intragastrico.

In conclusione …

Ci auguriamo che questi punti riescano quanto meno a far comprendere il valore di un’intera filiera dedicata esclusivamente a coloro che intendono raggiungere i propri obbiettivi e perdere finalmente peso.

Se sei interessato al programma o hai solo qualche domanda, sentiti libero di chiamarci. Siamo a tua disposizione.