(+39) 327-3463071 info@palloncinogastrico.it
Cosa determina il prezzo del Palloncino Gastrico Allurion?

Cosa determina il prezzo del Palloncino Gastrico Allurion?

Il prezzo del palloncino gastrico Allurion (Elipse) e del relativo programma è determinato da una moltitudine di fattori che incidono non poco sul costo finale.

Quando un paziente legge del prezzo del palloncino gastrico Allurion, è inevitabile che si chieda il perché sia così costoso. Certamente non si può parlare di un programma economico, così come non lo si può considerare solo come uno strumento da vendere ad prezzo esorbitante al pari di un comune attrezzo da lavoro. Per meglio comprendere i motivi dietro il costo, è necessario mettere in chiaro e sottolineare una serie di dettagli essenziali.

1 – E’ un programma, non un prodotto

Quando si acquista un paio di scarpe, si entra in negozio, si sceglie con attenzione e infine si paga alla cassa. Si è responsabili del prodotto appena acquistato e i rapporti con il venditore si limitano ad una restituzione, sostituzione o rimborso. Nonostante sia “venduto” così, il Palloncino Gastrico Allurion non è affatto prodotto, ma un programma completo di rieducazione alimentare. Trattandosi di un percorso completo che ha come scopo il dimagrimento, comprendere non solo il prodotto, ma anche un sostegno su tutta la linea tanto da parte dei medici quanto di Medita Medical.

2 – C’è un team di esperti a seguire il paziente

Chi sceglie di sottoporsi al programma di Allurion, deve essere consapevole che il suo prezzo è giustificato dalla presenza di un intero di team di persone che seguono il paziente. La prima persona con cui si entra in contatto è uno di specialist, un tutor particolarmente preparato con le competenze per guidare il paziente dalla prima telefonata fino alla fine del percorso di sei mesi. Segue, naturalmente, la figura del medico, indispensabile al prosieguo del trattamento. Parliamo di specialisti con esperienza spesso decennale che hanno guadagnato la certificazione dalla stessa Allurion per poter praticare il posizionamento del dispositivo. Subito dopo, si aggrega al team medico dietologo o nutrizionista che offre percorsi alimentari personalizzati per tutta la durata del programma.

3 – E’ un prodotto innovativo

Il termine “innovativo” è fin troppo inflazionato, usato per lo più a scopo di marketing per attirare nuovi clienti. Un prodotto davvero innovativo presenta solitamente un costo maggiore per una semplice ragione: la ricerca. Facciamo un esempio. Quando si acquista un’automobile di uso comune si ottengono piccole prestazioni per un piccolo costo. Inversamente, acquistare un bolide sportivo ha un costo superiore che non deriva solo dalle materie prime, ma anche – e soprattutto – dal tempo, dalle energie e dall’impegno degli esperti che l’hanno brevettato. Quindi, riprendendo l’esempio precedente, non si paga solo il bolide, ma tutto il lavoro che è stato necessario per creare quel bolide, lavoro che gli permette di essere tanto performante.

4 – E’ certificato e garantito

Trattandosi di un dispositivo medico, il palloncino gastrico Allurion è stato commercializzato solo a fronte di stringenti controlli qualitativi. Questi ultimi impongono rigidissimi standard per brevettare e vendere dispositivi medici, ad esempio, la scelta del poliuretano per creare il palloncino, il rivestimento naturale della capsula esterna e la valvola interna che si deteriora lentamente nello stomaco. In generale, i dispositivi medici sono costosi perché realizzati sotto stretta osservazioni e solo con materie prime selezionate perché non provocano infezioni, allergie, irritazioni o stati simili. Allurion non è da meno, avendo dovuto ottenere la certificazione ISO per poter commercializzare il suo palloncino intragastrico.

In conclusione …

Ci auguriamo che questi punti riescano quanto meno a far comprendere il valore di un’intera filiera dedicata esclusivamente a coloro che intendono raggiungere i propri obbiettivi e perdere finalmente peso.

Se sei interessato al programma o hai solo qualche domanda, sentiti libero di chiamarci. Siamo a tua disposizione.

La giornata mondiale del diabete

La giornata mondiale del diabete

Il 14 novembre ricorre la giornata mondiale del diabete, istituita per sensibilizzare tanto il pubblico quanto i governi verso quella che l’OMS definisce “una priorità per il sistema sanitario globale”.

La celebrazione della giornata mondiale del diabete ricade in concomitanza con la data di nascita di Sir Frederick Grant Banting, fisiologo ed endocrinologo canadese che, assieme a John James Rickard Macleod, si rese protagonista della scoperta dell’ormone dell’insulina. Già dal 1922 le sue ricerche hanno permesso di trattare una condizione fino a quel momento ben poco compresa, vale a dire il diabete.

Il tema di quest’anno proposto dall’IDF (International Diabetes Federation) è l’accesso alle cure per tutti, in quanto milioni di persone nel mondo ancora non riescono a ottenere le terapie disponibili.

Cos’è il diabete?

Comunemente il diabete è identificato come una malattia cronica caratterizzata da elevati livelli di glucosio nel sangue. Tale definizione è impropria, ma non sbagliata in senso assoluto. In generale, il diabete è una condizione metabolica provocata da patologie caratterizzate per la quasi totalità da iperglicemia, ma può comprendere anche il cosiddetto DIN o diabete insipido che non presenta alterazioni di concentrazione di glucosio. I casi riscontrati risultato però essere così radi che nell’immaginario collettivo si fa riferimento esclusivamente al diabete mellito, il più comune.

Per l’OMS è una priorità

Ad oggi sono circa 530 milioni le persone che soffrono di diabete con un incremento previsto a 630 milioni entro il 2030. In Europa se ne contano circa 60 milioni in età adulta, l’equivalente dell’intera popolazione italiana per rendere le proporzioni. Secondo l’Istat, invece, in Italia sono stati diagnosticati più di 3.6 milioni di casi, pari al 6% della popolazione, con una prevalenza di circa il 95% di diabete di tipo 2.

I rischi associati al diabete sono molteplici ed interessano una grande varietà di apparati. Basti pensare che può provocare lesioni ai vasi oculari, con l’insorgenza di fenomeni di cataratta o cecità, o ai più comuni danni nervosi che possono intaccare le funzionalità dei muscoli, casi che hanno portato persino ad amputazione degli arti. Ciò è provocato dalle complicazioni legate alla vascolarizzazione dei tessuti. In pratica, ciò che mantiene in vita un tessuto del nostro corpo sono le sostanze nutritive portate dal sangue che, come sappiamo, circola attraverso l’apparato vascolare. Se questo è compromesso, lo saranno anche i nutrienti necessari ai tessuti per sopravvivere.

Oltre alle complicazioni sopracitate, permangono quelle correlate agli organi connessi alla metabolizzazione dei nutrienti, quali fegato e pancreas, o alle funzionalità escretorie come nel caso dei reni.

La prevenzione rimane la migliore cura

I medici promotori della giornata mondiale del diabete hanno ribattuto la primaria importanza di uno stile di vita sano per combattere l’insorgenza del diabete, che rimane ancora oggi la forma di prevenzione più efficace sia nel breve che nel lungo termine. In particolare, insistono sulla necessità di migliorare le proprie abitudini alimentari che, se associate all’esercizio fisico, riuscirebbero a ridurre il tasso di diabete fino all’80%.

Le raccomandazioni rimangono sempre le solite, ripetute fino allo svenimento: evitare cibi e bevande ricchi di zuccheri o grassi saturi (quali burro, margarina, carni e formaggi grassi), prediligere frutta e verdura, soprattutto se di stagione, e cercare di consumare più carni bianche e pesce piuttosto che carni rosse e lavorate. Ancora una volta, possiamo constatare come siano sufficienti delle piccole accortezze alle nostre abitudini quotidiane a poter migliorare o invertire le nostre condizioni di salute.

Il rapporto tra tumore e obesità

Il rapporto tra tumore e obesità

Uno dei rischi maggiori legati all’eccesso di peso è l’insorgenza di una neoplasia che può colpire anche quegli organi e tessuti che non sono direttamente collegati all’alimentazione.

Il rapporto tra tumore e obesità è uno dei tanti dati scientificamente dimostrati da una moltitudine di studi, ma, diciamocelo, nelle ultime decadi sembra essere diventato un noioso ritornello quello del cancro. “Fumare fa venire il cancro”, “mangiare salumi fa venire il cancro”, “stare troppo tempo nel traffico fa venire il cancro”. Sembra che ogni comportamento, anche quelli minuscoli o virtuosi, provochino l’insorgere di un tumore, anche laddove ci sembra impossibile possa apparire. Se dovessimo prendere questi avvertimenti alla lettera, dovremmo sentire di milioni di vittime al giorno in ogni parte del mondo.

Spieghiamo

Il modo corretto di interpretare, ad esempio, “fumare fa venire il cancro” è: fumare aumenta le possibilità che si sviluppi il cancro. Cosa significa? Che, fumando regolarmente, aumentano le probabilità che si sviluppi una neoplasia. Dunque, ipotizzando di partire da una minima percentuale dell’1%, se andiamo a sommare un aumento per gli uomini del 90% e per le donne del 70%, alla fine avremo che i fumatori abitudinari hanno rispettivamente il 91% e il 71% di possibilità in più di ritrovarsi con un cancro ai polmoni.

Se a questa cattiva abitudine ne sommiamo delle altre, quali sedentarietà, elevato consumo di carni rosse trattate o poco esercizio fisico, possiamo renderci conto che le probabilità tendono anche a quadruplicare.

Per l’obesità si applica la stessa regola.

Il rapporto tra tumore e obesità è più grande di quanto non appaia

L’eccesso di peso determina l’insorgenza del 4% dei tumori su scala globale. Se volessimo prendere in considerazione solo la popolazione dei Paesi più ricchi con un sistema sanitario che offra informazioni precise, ogni anno 30 milioni di persone sviluppano un tumore a causa del sovrappeso, metà della popolazione italiana per intenderci. Una così alta incidenza è provocata dal fatto che, come già detto, l’obesità influenza più organi e apparati anche non direttamente collegati: seno, utero, reni, fegato, ovaie e tiroide.

Perché c’è un rapporto tra tumore e obesità?

L’eccesso di peso influenza il grado generale di infiammazione del corpo. Questa è una delle principali cause di innesco di quei meccanismi cellulari che possono portare ad una mutazione del DNA. Quando ciò avviene, le nuove cellule con un DNA diverso possono iniziare un processo di replicazione senza controllo perché perdono l’inibizione da contatto. In pratica, non riescono a capire che ce ne sono troppe di cellule in uno stesso posto. Iniziano quindi a riprodursi senza freni e a formare quella che è comunemente chiamata massa tumorale e, dunque, il tumore stesso.

L’iniziativa è la principale prevenzione

Ripetiamo che non è il mettere su qualche chilo ad essere rischioso, ma è la convivenza con lo stato di obesità che ci porta a sviluppare questo tipo di male ed è quindi prioritario scegliere non come agire, ma quando, perché il tempismo è precedente solo alle modalità. Prima si scegli di agire, di dire a se stessi “sì, lo voglio fare” e solo dopo si decide il “come fare”.

Prendiamo noi di Medita come esempio. Offriamo una soluzione nella forma di un percorso di rieducazione alimentare, ma, come appena detto, proponiamo una soluzione, un valido strumento, ma non un’iniziativa. Devi essere tu a scegliere quando e se cominciare. Come si suol dire: chi ben comincia è a metà dell’opera, e non c’è nulla di più vero. Solo scegliere di iniziare è il primo grande passo in salita che dovrai fare e il resto, in confronto, ti apparirà tutto in discesa.

La Giornata mondiale dell’alimentazione

La Giornata mondiale dell’alimentazione

Celebrata dalla fine della Grande Guerra, la giornata mondiale dell’alimentazione è la principale ricorrenza globale a mantenere viva l’attenzione sul tema della nutrizione, sia come benessere individuale che come principale necessità per il mondo intero.

Il 16 ottobre del 1945, a poco più di un mese dalla fine della Grande Guerra, a Quebéc fu fondata l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO, Food and Agriculture Organization) allo scopo di contribuire ad accrescere i livelli di nutrizione, aumentare la produttività agricola mondiale e migliorare la vita delle popolazioni rurali. Tale ricorrenza sarà celebrata in tutto il mondo fino ai giorni nostri con la Giornata mondiale dell’alimentazione.

Il tema della Giornata di quest’anno

Il nono segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres inaugura il tema del 2022 con poche, semplici parole:

Una produzione migliore, una nutrizione migliore, un ambiente migliore, e una vita migliore.”

In particolare, si è entrati nel (de)merito delle problematiche legate all’alimentazione come, ad esempio, lo sconvolgente numero di tre miliardi di persone che non possono permettersi una dieta sana, l’insensibilità verso il problema dell’obesità o che negli ultimi tre anni il numero di coloro che sono afflitti dalla fame è raddoppiato, anche a causa degli ultimi eventi, pandemia e guerra per primi.

Per meglio comprendere quanto sia ampio il discorso promosso dalla FAO, basti pensare ai temi trattati in passato, tra i quali:

  • 1984 – Le donne nell’agricoltura
  • 1989 – Alimentazione ed ambiente
  • 1993 – Le diversità della natura: un patrimonio prezioso
  • 2005 – Agricoltura e dialogo fra culture
  • 2011 – Prezzi degli alimenti, dalla crisi alla stabilità

Si potrebbe continuare parlando del diritto all’alimentazione, degli investimenti agricoli per incrementare la sicurezza alimentare o della primaria importanza dell’acqua e dell’agricoltura sostenibile.

L’Italia tra i promotori

Nel nostro Paese, per sensibilizzare anche le generazioni più giovani, quest’anno il Ministero dell’Istruzione ha promosso un’iniziativa editoriale appositamente per la giornata mondiale dell’alimentazione dal titolo La Nutrizione giocando – Principi di base per una corretta alimentazione dedicata sia agli educatori che ai loro studenti. L’iniziativa ha lo scopo di insegnare non solo l’importanza della nutrizione nel mondo, ma, soprattutto, il benessere che deriva da una corretta alimentazione: dalla definizione dei macronutrienti, alla lettura delle etichette, passando dallo spreco alimentare fino al costo di una buona dieta.

Soffermandoci sugli ultimi due argomenti, soprattutto in questo periodo di forte rialzo dei prezzi, possiamo arrivare a comprendere la correlazione tra una dieta più sana e lo spreco alimentare. Banalmente, ciò che sprechiamo è ciò che abbiamo pagato, dunque, si tratta di fondi in meno da destinare a quegli alimenti più costosi, ma spesso anche più sani. Certo, non mancano le alternative, ma la variazione è ciò che da più sapore in tavola e più salute al corpo.

Pensa al pesce fresco o alle verdure che non sono di stagione, ma a cui non vogliamo rinunciare, vuoi per gusto o per abitudine. Quindi, per evitare i nostri ben 67 kg annui di spreco alimentare a persona, basterebbero delle piccole accortezze, come comprare solo ciò di cui abbiamo bisogno, redigere la lista della spesa prima di recarsi a farla o anche imparare a leggere i valori sulle etichette per valutare il potenziale nutrizionale in confronto al costo del prodotto.

Giornata nazionale per la lotta contro l’obesità

Giornata nazionale per la lotta contro l’obesità

Nata come estensione dell’Obesity Day, la giornata nazionale per la lotta contro l’obesità è l’evento tutto italiano per responsabilizzare il pubblico ad uno stile di vita più sano.

Dal 2015 è stata istituita la Giornata Mondiale contro l’obesità allo scopo di sensibilizzare su un problema che colpisce ogni anno centinaia di milioni di persone e ne ferisce a decine di milioni, talvolta con risvolti gravi o, persino, con la morte. Nell’Italia che vanta una, se non LA dieta più completa, salutare e bilanciata al mondo, tale evento è stato replicato il 10 ottobre di quest’anno come la Giornata nazionale per la lotta contro l’obesità.

Per l’occasione, medici e nutrizionisti si sono dati appuntamento in diverse città italiane allo scopo di coinvolgere il pubblico nella delicata questione del pericolo legato al sovrappeso e, in particolare, all’obesità. Vogliamo premurarci di ricordare che sovrappeso e obesità non sono sinonimi come a volte erroneamente si crede, ma indicano un diverso grado di eccesso di peso e, pertanto, non vanno né visti, né trattati allo stesso modo.

La situazione, non tra le peggiori, ma nemmeno la migliore

Nel Bel Paese, la questione alimentare è abbastanza sentita, anche dalle fasce d’età più avanzate, talvolta persino dalle arzille nonnine che guardandoti con pietà non possono fare a meno di dirti che stai “sciupato”.

Secondo le stime fornite dall’Istituto Superiore di Sanità e ribattute proprio in occasione della Giornata nazionale per la lotta contro l’obesità, più di un terzo della popolazione adulta è in sovrappeso, il 35,3% con l’esattezza, mentre il 9,8% risulta obesa, vale a dire circa 6 milioni di italiani e il numero, purtroppo, sembra destinato ad aumentare.

A preoccupare maggiormente sono, naturalmente, le conseguenze dell’obesità. Essa è infatti responsabile di gravi patologie come cardiopatie, diabete, malattie del fegato (dette epatiche) e anche diverse tipologie di tumore. Il cuore, in particolare, come già ribadito, è uno degli organi più esposti, nonché uno tra i più sensibili da trattare. Il cuore, in particolare, come già ribadito, è uno degli organi più esposti a questo tipo di patologie, nonché uno dei più sensibili da trattare.

L’obesità è una malattia curabile

La prevenzione rimane ancora la principale alleata, ma è anche vero che non sempre è sufficientemente radicata da essere messa in atto. Pertanto, è giusto ribadirlo: l’obesità si cura a differenza di tante altre patologie che, purtroppo, non lo sono. La cura miracolosa ce l’hanno tutti. Non si compra, né si estrae, ma la si trova banalmente nelle più semplici azioni quotidiane. La coppia perfetta rimane ancora l’alimentazione corretta e uno stile di vita attivo, uniti dai collanti dell’educazione e della presa di coscienza, ciò che più di ogni altro impulso ci spinge all’iniziativa, a fare quel passo che è tanto importante per noi anche se ancora non ce ne rendiamo conto.

La Giornata Mondiale del Cuore

La Giornata Mondiale del Cuore

Il 29 settembre ricorre la Giornata Mondiale del Cuore promossa allo scopo di sensibilizzare sulla prevenzione delle malattie cardio-cerebro vascolari e promuovere le sane abitudini.

“Use heart for every heart”, “usa il cuore per ogni cuore”. È lo slogan che inaugura la nuova edizione della Giornata Mondiale del Cuore. L’obiettivo di quest’anno è tenere viva l’attenzione del grande pubblico non solo sulla tematica sempreverde della prevenzione, ma anche di contestualizzarla al nostro presente. Nel particolare, è stata posta una grande enfasi sul rapporto che lega la salute cardiaca alla salvaguardia dell’ambiente, visto che l’inquinamento atmosferico è responsabile del 25% di tutte le morti per malattie cardiovascolari.

La nostra situazione

L’Italia, purtroppo, contribuisce ad alzare la media mondiale dei decessi, registrando un’incidenza del 35%, riconfermandosi per un altro anno come la prima causa in assoluto. In poche parole, più di un terzo delle morti non naturali del nostro Paese sono correlate a patologie cardiovascolari. Anche le motivazioni rimangono sempre le stesse: tabagismo, sedentarietà, alimentazione squilibrata, abuso di alcol, sovrappeso e obesità.

Prevenzione, di nuovo, ancora

Sì, d’accordo, sarà noioso e irritante sentirselo dire in continuazione dal governo, dalle organizzazioni sanitarie, dai medici di mezzo mondo, dagli eminenti scienziati, dagli occhialuti ricercatori, dai presentatori televisivi o dai vicini che l’hanno letto sui social. Prevenzione, prevenzione e ancora prevenzione, ma, chiediamoci: un motivo ci sarà, no?

Certo, e la risposta più immediata è che le malattie cardiovascolari rimangono ancora la prima causa di morte al mondo con oltre 18 milioni di vittime ogni anno, il doppio rispetto al cancro e, dunque, un pericolo da non sottovalutare mai. Come già detto, sovrappeso e obesità incidono non poco su queste tristi percentuali, ed è qui che la Giornata Mondiale del Cuore trova il suo scopo, ovvero mostrare (e dimostrare) che con la correzione delle proprie abitudini, alimentari tra le altre, è possibile ridurre notevolmente i rischi legati ad uno stile di vita malsano.

Le indicazioni a chiare lettere

La brochure informativa rilasciata dall’Alleanza Italiana per le Malattia Cardio-Cerebrovascolari e pubblicata dal Ministero della Salute per la Giornata Mondiale del Cuore 2022 ci mostra chiaramente quanto l’alimentazione in primis, se usata come saldo pilastro delle nostre buone abitudini, possa migliorare nettamente il nostro stile vita, incidendo tanto sulla salute fisica quanto mentale.  

Noi di Medita Medical uniamo la nostra voce al coro di esperti e specialisti che spingono fortemente per un’autentica rieducazione alla salute personale, a non temere quei cambiamenti che ci migliorano, che ci curano, che ci rendono felici con noi stessi prima che con gli altri.

Il problema dell’obesità è trascurabile

Il problema dell’obesità è trascurabile

Nonostante negli ultimi anni abbia guadagnato una sempre maggior visibilità, il problema dell’obesità continua ad essere pesantemente sottostimato a causa di un’innaturale indifferenza.

Provate per un momento ad immaginare la grande città di Roma, l’eterna capitale con i suoi secoli di storia e la sua vivace popolazione. Allo stesso modo, focalizzatevi sull’assurda possibilità che tutti i suoi abitanti periscano l’uno dopo l’altro nel giro di un solo anno, lasciandola deserta e silenziosa. È una visione macabra, ma è esattamente questa la proporzione dei casi di morte legati al problema dell’obesità.

Tre milioni, per razionalizzare con le stime dell’OMS, sei volte i decessi legati al fumo di sigaretta, nonché la quinta principale causa di morte su scala globale, maggiore persino del tasso delle malattie respiratorie.

La realtà è un po’ più complicata

Il dato più allarmante, però, è legato a quanti siano i soggetti realmente a rischio, ovvero circa due miliardi di persone, poco più di un quarto dell’intera popolazione mondiale, 650 milioni dei quali esposti al pericolo di sviluppare patologie o disturbi seri nel medio termine. Può sembrare una cifra al limite dei più raffinati complottismi, ma è sufficiente pensare che la combinazione tra globalizzazione, distribuzione di cibo a basso costo e mancanza di norme alimentari stringenti hanno favorito l’insorgenza del problema dell’obesità persino in quei Paesi ritenuti poveri per antonomasia, quali India, Vietnam e Bangladesh.

Nonostante ciò, obesità e sovrappeso continuano ad essere percepiti dalle masse come problemi trascurabili, vuoi per mal informazione, per mancanza di sensibilità o perché si diluiscono bene nel tempo come un cucchiaino di zucchero in una tazzina di caffè. Pensate a un terremoto. Può provocare centinaia di vittime in una manciata di secondi, creando scompiglio, sorpresa e talvolta indignazione, ma, numeri alla mano, le cifre appaiono risicate se confrontate alle milioni causate dal cancro ogni anno. Una vita è pur sempre una vita, ben inteso, ma parliamo comunque di cifre enormemente superiori. Cifre che però sembrano non essere nemmeno prese in considerazione quando c’è da allarmarsi per davvero.

Il problema è intrinseco al concetto

Per quanto banale possa sembrare, vi è una mancanza alla base del concetto stesso, vale a dire la presa di coscienza, perché il primo passo per risolvere un problema è ammettere che esiste. Che esiste nel mondo, che esiste là fuori e che può colpire chiunque, anche noi che nella prospettiva di qualcun altro siamo proprio quel mondo a cui siamo tanto insensibili e che continua a peggiore per l’indifferenza verso noi stessi, nonostante le soluzioni siano più semplici di quanto non appaiano.

L’invito è chiedersi se vale la pena trattarsi così, ridursi a tanto nel disperato tentativo di riempire una lacuna che non potrà mai essere colmata con il solo cibo, pur sapendo che simili abitudini possono portarci a rischiare molto più del nostro apparire.

Il Palloncino Gastrico Allurion per i propri obiettivi

Il Palloncino Gastrico Allurion per i propri obiettivi

Valentina ci dimostra che focalizzarsi suoi buoni propositi sia solo il primo passo per raggiungerli e di come il palloncino gastrico allurion sia un prezioso alleato per realizzarli.

Valentina, avvocatessa e madre di tre figli, ci racconta delle delusioni che ha dovuto sopportare nei suoi tentativi di perdere peso prima di sottoporsi al percorso del palloncino gastrico allurion.

Venivo da quattro-cinque anni di dieta, e dopo tre gravidanze consecutive e problemi ormonali avuti nel frattempo, era arrivata a 107 chili.

Con la dura consapevolezza di star sbagliando e col coraggio di chi, invece, il proprio sbaglio vuole correggerlo, si rivolge ad un nutrizionista che le somministra una dieta dimagrante. Grazie a questa, riesce a perdere quasi 30 chili.

Poi arriva il problema.

“È arrivato un momento in cui mi sono bloccata sugli 80-85 chili, facendo sempre dieta – sono a dieta da una vita. Dopo tanti sacrifici, continuavo a non vedermi come volevo.”

Inizia così a coniugare il proprio regime alimentare con lo sport, ma senza raggiungere i risultati sperati. Conscia di non stare ottenendo nulla, inizia a guardarsi attorno, a cercare soluzioni alternative al proprio problema.

Avevo un’amica che si era sottoposta a chirurgia e la vedevo felice, ma io non volevo farlo.

Ed è in quel momento che comincia a prendere in considerazione il trattamento col palloncino gastrico allurion, non solo per migliorare la propria salute fisica, ma anche per il proprio stato mentale.

Scattava sempre la fame, soprattutto nervosa, e mangiavo disordinato. Il programma poteva essere un aiuto iniziale da dove cominciare.

Come riferisce la stessa Valentina, conscia – e colta – della situazione, il palloncino gastrico allurion è uno strumento che è parte di un programma. È un percorso che va seguito e in cui si è seguiti con scrupolo e attenzione.

La sua testimonianza getta luce anche sulla problematica quanto mai attuale della pandemia, di come questa, in particolare nelle prime dure fasi, abbia costretto tante persone a casa, permettendo loro di accumulare molto stress. E lo stress, lo sappiamo, può spingere alla fame nervosa, a prendere o riprendere cattive abitudini alimentari. Se ci mettiamo anche la consapevolezza di stare facendo un errore, si entra in un circolo vizioso. Io so di stare sbagliando e ciò mi stressa. Quando sono stressato, mangio. Quando lo faccio, so di stare sbagliando.

Alla domanda “cosa ti ha spinto a decidere di voler cambiare?”, ci risponde in una maniera coincisa.

Vedevo rifiorire la mia amica e la voglia di vedermi come mi vedo nella mia testa prima ancora che nello specchio. Sto lavorando e voglio vedere risultati.

Come per Maythe, arriva anche per Valentina il momento della decisione di sottoporsi al programma con il palloncino gastrico allurion, ma non senza dubbi o paure. Come ci racconta, la sua esperienza sul momento è stata di timore, ma grazie alle professionalità del medico, in soli dieci minuti era già tutto finito senza la minima complicazione.

I primi due giorni sono stati un po’ forti, ma superati senza problemi grazie a qualche semplice medicina e al sostegno di Imma di Medita Medical che mi telefonava per sapere come stessi, come mi sentissi. Dopo due giorni, non sentivo più nulla.

valentina-dopo-trattamento-palloncino-gastrico-allurion

A esattamente un mese, tre settimane e tre giorni, ci mostra di aver perso 10 chili, raggiungendo i 73, senza aver riscontrato nessun problema grazie al costante monitoraggio.

Ora che Valentina si sta finalmente rispecchiando in ciò che vuole essere, che sta vedendo coi propri occhi i risultati, si riserva di offrire qualche consiglio a chi, come lei, fosse intenzione a sottoporsi all’inserimento del palloncino gastrico allurion.

Di provarci, di prendere coraggio. Avendone provate tante, so cosa significa andare incontro ai fallimenti. La paura blocca, ma posso assicurare che poi quando arrivano i risultati, c’è un aiuto anche psicologico. In particolare, siamo seguiti, si è sempre seguiti come in una piccola famiglia e l’aiuto è grande.

Se desideri approfondire, puoi guardare l’intervista integrale a Valentina sul nostro canale Youtube. Se invece hai dei dubbi, sentiti libero di leggere le informazioni sul Programma Allurion o di contattarci per una consulenza gratuita e senza impegno.

Il Programma Allurion in sostegno alla maternità

Il Programma Allurion in sostegno alla maternità

Maythe ci racconta la sua esperienza di rieducazione alimentare, mostrandoci i risultati che ha raggiunto con il programma allurion ad un passo dalla fine.

Con poche semplici parole, l’imprenditrice Maythe Henriquez ci offre uno scorcio apparentemente superficiale della propria vita prima di iniziare il suo percorso di profondo cambiamento grazie al programma Allurion.

Quando ti devi vestire, che non ti sta niente o che niente ti piace, io piangevo.”

Partiamo dal principio.

Dopo essere diventata mamma, comincia ad accumulare peso fino a raggiungere i 74 chili. Un peso che può apparire normale, ma che per una donna alta 1.59 rappresenta un primo, evidente campanello d’allarme per la propria salute.

Pensavo di poter mangiare poco e invece NON mangiavo poco. Avevo bisogno di qualcosa che mi facesse dimagrire tanto perché non è che non ho forza di volontà … “

Come darle torto? Una donna matura come lei che affronta ogni giorno le avversità di fare impresa in questo Paese e trova anche la forza di mettere al mondo un figlio, tutto può essere fuorché senza forza di volontà.

Nonostante i mille impegni e le altrettante preoccupazioni, la neomamma si rimbocca le maniche e decide di seguire dei rigidissimi programmi.

“Sono andata per un mese in palestra, alle 6 del mattino, per due ore, tutti i giorni; ho fatto dieta e ho perso soltanto un chilo e mezzo. E ho detto NO! C’è qualcosa che non va.”

Senza perdersi d’animo, Maythe si confida con suo marito per trovare una soluzione che non coinvolgesse la chirurgia. Con quel perfetto gioco di squadra che li contraddistingue tanto in amore quanto nel lavoro, riescono infine a trovarla.

“Mio marito mi affianca molto è mi ha detto ‘se sei convinta, fallo!’ e così ho fatto.”

È in momenti come questi che una persona trova la forza per iniziare un percorso così radicale, quando coloro che ama la incitano, la spronano, la sostengono nelle sue scelte di vita, soprattutto quelle importanti, quelle che la vita te la svoltano, letteralmente.

Ed ecco che dopo soli tre mesi e mezzo, a percorso quasi concluso, la ritroviamo rinvigorita, carica di autostima e con un bel progetto per l’immediato futuro.

“Voglio avere un altro bambino entro l’anno prossimo. Sono una mamma molto esigente che ha programmato la propria vita”.

Ci tiene molto a portare all’attenzione il punto per cui il programma Allurion le è stato indispensabile non solo per raggiungere il suo peso attuale di 60 chili, ma, ancor di più, per continuare a sentirsi donna.

“È una questione di percezione. Non è un modo sbagliato di essere, ma è un modo che io non voglio. Adesso devo rimanere incinta e ho questa opportunità. Mal che vada, si tratta di qualche chilo in più, non troppo, e ormai sto mangiando meno, sto facendo esercizio.”

maythe-dopo-il-programma-allurion

Il punto fondamentale è che il programma Allurion è prima di tutto un percorso di rieducazione alimentare. È una strada da seguire che si avvale di professionisti e di strumenti come il palloncino gastrico per raggiungere uno scopo. Nulla impedisce di riprendere peso, ma certamente risulta più difficile farlo perché, diciamocelo: quando siamo davanti allo specchio e ci vediamo nel corpo che abbiamo sempre desiderato, perché mai dovremmo anche solo pensare di ritornare indietro? E proprio quella paura non ci spinge forse a prestare maggiore attenzione a ciò che facciamo e a come vogliamo essere?

È quasi ironico scoprire poi che quello che un tempo sopportavamo come un sacrificio si trasforma in breve tempo nella nostra quotidianità perché ci fa stare meglio e quando il progresso è palpabile, percettibile da chiunque, noi per primi, risulta quasi impossibile tornare sui propri pesanti passi.

“La dottoressa che mi seguiva mi ha insegnato come mangiare. Ha migliorato il mio modo di mangiare. Voi mi scrivevate sempre, sempre, ed è lì che ho capito che non era solo uno sponsor. Non erano promesse campate per aria.”

Se desideri approfondire, puoi guardare l’intervista integrale a Maythe sul nostro canale Youtube. Se invece hai dei dubbi, sentiti libero di leggere le informazioni sul Programma Allurion o di contattarci per una consulenza gratuita e senza impegno.