Home / Blog / Problemi di peso / Aumento di peso: non sempre dipende dalla persona. Scopriamo insieme le cause genetiche dietro un aumento di peso eccessivo 

Sappiamo bene che i chili di troppo dipendono da un’alimentazione eccessiva o scorretta, ma talvolta è la genetica a influire sull’eccesso di grasso corporeo.  

Le persone sovrappeso sono sempre di più, tanto da parlare di una vera e propria “epidemia da cattiva alimentazione”, che coinvolge tutto il mondo.   

L’obesità, indirettamente, è la seconda causa di morte dopo il fumo, in quanto favorisce molte patologie: diabete, malattie cardiovascolari e tumori. Un forte sovrappeso, inoltre, può provocare problemi respiratori, articolari e invecchiamento precoce. 

Ma l’obesità non dipende unicamente dalle scelte alimentari (che comunque sono decisive).  

È stato studiato e provato che alcune persone tendono a ingrassare molto di più di altre, anche adottando le stesse abitudini alimentari.   

Una delle cause determinanti della predisposizione all’obesità è dovuta al gene OB, al quale si deve la sintesi della leptina, ovvero un ormone proteico che regola il senso di sazietà a livello cerebrale.  

La leptina mantiene il deposito di grasso nel corpo entro livelli non eccessivi. Le persone predisposte alla magrezza producono dosi maggiori di questo ormone, oppure sono più sensibili alla sua azione. Al contrario, chi palesa una predisposizione all’obesità produce quantità minori di leptina, oppure è meno sensibile a sua azione.  

In sostanza, sia una produzione carente di questa proteina sia una recezione insufficiente da parte del cervello contribuiscono a ridurre il metabolismo, favorendo di conseguenza l’obesità.  

Una recente ricerca su questo argomento dimostra l’esistenza di un’altra variabilità genetica favorevole allo sviluppo dell’obesità: la concentrazione nel sangue di una sostanza chiamata amilasi salivare, fondamentale per metabolizzare gli amidi, contenuti ad esempio nel pane, nella pasta e nel riso.  

Gli individui con una carenza di questa sostanza, sono predisposti all’insulino-resistenza, e di conseguenza anche all’obesità e al diabete di tipo 2. 

LA PREDISPOSIZIONE ALL’OBESITÀ CONTA, MA NIENTE SCUSE! 

Come abbiamo visto, la predisposizione all’obesità va sicuramente considerata.  

Le cause genetiche, però, non sono da tenere come scusa valida per mangiare cibi poco salutari!  

Un’alimentazione corretta, uno stile di vita sano e l’attività fisica sono la difesa migliore per contrastare l’obesità e le patologie correlate (come ad esempio il diabete), anche se questi sono “scritti” nel  nostro DNA.  

Richiedi un Consulto